‘Un’ulteriore variante del Covid 19 è stata individuata nel Regno Unito, sarebbe legata al Sudafrica’, è quanto annuncia il ministro britannico della Salute Matt Hancock che riferisce di due casi tracciati al momento.La nuova variante risulta avere una maggiore capacità di trasmissione e avrebbe già subito mutazioni. Il lockdown è stato esteso anche ad altre zone nel Regno.

Intanto l’Oms avverte: ‘la nuova variante individuata in Gran Bretagna “sembra essere più facilmente trasmissibile da giovani e bambini”. Ulteriori ricerche sono ancora “in corso”.

Il vaccino e la variante covid

Sulla variante inglese del nuovo coronavirus “c’è stato troppo rumore per un qualcosa peraltro senza fondamento scientifico; l’annuncio è del ministero inglese, ma senza una pubblicazione scientifica su una rivista ‘peer-review'”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute l’infettivologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, commentando la pericolosità della variante di Sars-CoV-2 scoperta nel Regno Unito.

“In un laboratorio di genomica inglese hanno verificato che il coronavirus pare aver avuto una mutazione che però non inficia sulla mortalità e sull’aggressività del virus, ma aumenta la contagiosità del 70%. Non è una dato però approvato scientificamente – prosegue Bassetti -. I virus normalmente mutano, ci sono state già altre segnalazione sul coronavirus e il virus dell’influenza, ad esempio, ha mutazioni velocissime mentre questo un po’ meno. Quindi era già successo e ci sono pubblicazioni su ‘Nature’, è dunque probabile che questa mutazione sarà trovata anche in Italia, ma non dobbiamo temere nulla”.

Come funziona il vaccino

Il vaccino anti-Covid “funzionerà anche contro la variante inglese. La mutazione, anche se presente, riguarda una piccola parte del codone virale, quindi – spiega ancora Bassetti – una piccola parte del genoma, una piccola parte della proteina ‘Spike’, mentre il vaccino è indirizzato verso una grande proteina Spike: per cui, anche se cambia una minima parte, non cambia la struttura portante. Il vaccino funziona e funzionerà. E anche se ci saranno mutazioni in futuro, si possono modificare i vaccini”.

“Il freddo che arriverà – avverte quindi lo scienziato – non aiuterà nella lotta al coronavirus perché a gennaio-febbraio. In quella data avremo probabilmente una terza ondata di casi Covid, si mischieranno tanti virus diversi: influenza, para-influenzali e coronavirus. Sarà una situazione complicata e bisognerà fare molta attenzione. Mi auguro che il più possibile delle persone si siano vaccinate per l’influenza e per lo pneumococco, questo dovrebbe aiutare molto i più fragili. Poi usare sempre la mascherina e lavarsi le mani”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.