Crescenzio Sepe positivo al Covid: le condizioni del cardinale di Napoli

Crescenzio Sepe covid

Il cardinale Crescenzio Sepe è risultato positivo al tampone Covid: lo ha comunicato, in una nota, l’Arcidiocesi di Napoli. L’ex arcivescovo del capoluogo campano, come si legge ancora nella nota, è risultato positivo al tampone e sta svolgendo un periodo di isolamento domiciliare, come prescrivono le misure anti-Covid: le sue condizioni di salute, quindi, per ora sarebbero buone. Sepe ha lasciato l’incarico di arcivescovo della città: a lui è succeduto don Mimmo Battaglia.

Attualmente dalla curia non trapela nessuna notizia ulteriore. Il cardinale è sotto osservazione presso il proprio domicilio. Non necessario, quindi, il suo ricovero in ospedale.

L’arrivo del Cardinale Mimmo Battaglia

E’ il 2 febbraio la data in cui Don Mimmo Battaglia, dallo scorso 12 dicembre Arcivescovo di Napoli, farà il suo ingresso nella Diocesi del capoluogo partenopeo. Monsignor Crescenzio Sepe resterà comunque incardinato nella Curia come amministratore apostolico e arcivescovo emerito. Don Mimmo Battaglia, lascia invece la Diocesi di Cerreto Sannita, dove era stato destinato all’indomani della sua nomina a Vescovo, avvenuta il 24 giugno 2016, e della sua ordinazione.

 

Nel messaggio rivolto ai fedeli partenopei, don Mimmo ha già lasciato capire quali saranno le linee guida del suo governo pastorale di una diocesi il cui territorio (che va dai confini dell’area stabiese fino a quella flegrea) deve fare i conti con evidenti “problemi, alcuni antichi ed altri nuovi” – ha detto – ma che comunque “rappresenta il vero tesoro del Sud”. “Accanto al desiderio di questa umanità che vuole rialzarsi, ci sono tanti che sperano – ha scritto ancora – e lottano ogni giorno per la giustizia, l’onestà, l’uguaglianza e la preferenza verso i più deboli, ma anche per la mancanza del lavoro, che rimane la vera piaga di questa nuova società”.