Una donna ha provato ad uccidere un collega mettendogli dell’acido nell’acqua

(Immagine di repertorio - archi InterNapoli)

Ha davvero dell’incredibile quello che è accaduto ieri a San Donato, alle porte di Milano. Una donna, una cinquantaduenne, ha provato ad uccidere un collega spruzzandogli dell’acido nella bottiglietta d’acqua, con una siringa. L’uomo, un 41enne, si è sentito immediatamente male dopo aver bevuto un sorso dalla bottiglietta avvelenata. Entrambi si trovavano negli uffici dell’Eni di Milano e non hanno alcun legame. Solo che, l’episodio dell’acido nella bottiglietta ha subito insospettito i Carabinieri intervenuti sul posto. Dalle indagini è emerso che la donna aveva già precedentemente vessato il collega, senza particolari motivi. Ma non solo. La donna si era resa protagonista di atti intimidatori e persecutori anche verso una collega. In quel caso, aveva più volte tartassato di chiamate la vittima, oltre ad averle imbrattato l’auto ed il portone di casa con della vernice. La cinquantaduenne continua a negare le accuse che, però, appaiono plateali.