Cristiano Ronaldo trasforma i suoi hotel in ospedali per l’emergenza Coronavirus

Emergenza Coronavirus Cristiano Ronaldo

Ancora una volta Cristiano Ronaldo dimostra di essere un campione anche fuori dal campo. Il fuoriclasse portoghese ha, infatti, deciso di trasformare i suoi hotel in Portogallo in ospedali per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Emergenza Coronavirus, Cristiano Ronaldo è a Madeira

Cristiano dalla sua Madeira ha deciso di dare un aiuto concreto nella lotta al Coronavirus. Il talento della Juventus ha inoltre deciso che resterà in Portogallo fino a quando l’emergenza Coronavirus non sarà terminata.

Il campione trasformerà i suoi hotel in ospedali: medici e infermieri lavoreranno a sue spese

Il campione portoghese ha deciso: trasformerà i suoi hotel in Portogallo in ospedali per aiutare la lotta contro la pandemia. I nuovi ospedali potranno essere utilizzati in forma totalmente gratuita, i medici, gli infermieri e il resto del personale verranno pagati da CR7. Cristiano Ronaldo mette così a segno il gol più bello di una carriera ricca di successi, anche fuori il rettangolo di gioco.

 

Il gran cuore di Cristiano: non solo emergenza Coronavirus, anche scuole a Gaza nel 2017

LE SCUOLE A GAZA — Nel 2011 Cristiano Ronaldo vinse la Scarpa d’Oro grazie ai 40 gol segnati col Real Madrid, allora allenato da José Mourinho, che finì però secondo nella Liga e venne fatto fuori dalla Champions League in semifinale. Ma anziché mettere il premio nella sua – peraltro già ben affollata – stanza dei trofei, CR7 decise di donarlo alla fondazione del Real Madrid perché lo mettesse all’asta. La Scarpa d’Oro venne così venduta per 1,5 milioni di euro e il denaro servì per ricostruire alcune scuole di Gaza, in Palestina.