9.1 C
Napoli
martedì, Dicembre 7, 2021
- Pubblicità -

Giugliano 6 perfetto! Sesta vittoria consecutiva dei tigrotti: 2-0 al Muravera


GIUGLIANO – MURAVERA 2 – 0

Giugliano: Baietti, Oyevale, Ceparano, Poziello C., De Rosa, Cerone (74’ Fornito), Rizzo (85’ Mazzei), Gladestony, Caiazzo, Biasol, Scaringella (67’ Abreu). A Disposizione: Iandoli, Boccia, Mekki, Poziello R., Flores, Keremateng.Allenatore: Giovanni Ferraro

Muravera: Guarnieri, Loi, Vignati (71’ Moran), Moi, Cadau, Arvia (77’ Saba), Mancosu, Grella (46’ Mereu), Origlio, Del Gaudio (60’ Piroddi), Floris Mat. (71’ Rossi). A Disposizione: Floris Mau., Nurchi, Cicatiello, Cannella, Allenatore: Francesco Loi

Arbitro: Tomasi di Lecce

Marcatori: 6’ Scaringella (G), 73’ De Rosa (G).

Note: Angoli 5 a 3 per il Giugliano. Ammoniti: Floris (M), Abreu (G), Mancosu (M). Recupero: 1’ pt., 5’ st..

Giugliano – Sesta vittoria consecutiva del Giugliano che batte il Muravera 2 – 0 e si riprende, dopo appena 24 ore, la vetta della classifica superando nuovamente l’Aprilia che, nell’anticipo di ieri battendo in trasferta L’Ostia Mare si era portata in testa. Troppo netto il divario, in tutti i 90’, tra le due squadre perché il risultato potesse essere messo in qualche modo in discussione. Il Muravera punta a una gara difensiva, infatti il tecnico Loi rispetto all’undici di domenica scorsa inserisce un centrocampista in più (Origlio) al posto di un attaccante (Nurchi) nella speranza di frenare la corsa dei tigrotti e portare via un punto dal “De Cristofaro”. Ferraro, invece, conferma la formazione che ha vinto nelle cinque gare precedenti.

Il Muravera non vuole tornare a mani vuote dalla trasferta e Loi per frenare gli assalti dei tigrotti, si copre in maniera estrema, schierando all’inizio un 4-4-1-1, lasciando il solo Mancosu (deludente la sua prestazione) in proiezione offensiva e piazzando tutti gli altri calciatori a protezione della loro area di rigore.

I calcoli del tecnico sardo, però, vanno a gambe all’aria quasi subito perché dopo solo sei minuti il bunker che il tecnico Loi aveva predisposto salta per un gol di Scaringella che sfrutta un preciso lancio di Cerone per impallinare l’incolpevole Guarnieri. Il Muravera nonostante lo svantaggio non modifica in maniera sostanziale la sua tattica di gioco per sperare poi di potersi giocare il tutto per tutto nella fase finale della partita.

Il Giugliano che continua ad esercitare un predominio costante nel gioco, a sua volta non ha fretta e non accelera in maniera visibile e quando lo fa i suoi attaccanti si intestardiscono ad entrare, con giocate leziose, nell’affollata area avversaria invece di provare a tirare anche da debita distanza. Solo al 45’ Scaringella riesce a perforare la difesa sarda ma la sua conclusione viene ribattuta dal portiere ospite.

Ad inizio ripresa il tecnico ospite effettua subito un cambio inserendo l’attaccante Mereu al posto del difensore Grella per dare maggiore peso al reparto offensivo. Ma né il primo né i successivi cambi cambieranno l’andamento della gara. E sempre il Giugliano a spingere sull’acceleratore e a sfiorare il raddoppio con lo sfortunato Rizzo. Raddoppio che però arriva al 73’ con De Rosa che sigilla il terzo gol stagionale. Solo a fine gara, all’84’, il Muravera si rende pericoloso con Rossi che, da buona posizione, calcia la palla che si perde lontano dalla porta.

Nei minuti finali e nei successivi cinque minuti di recupero, concessi dall’arbitro Tomasi, il Giugliano non ha nessuno interesse a spingersi in avanti ed amministra saggiamente il doppio vantaggio perché quel che conta è solo la vittoria che mantiene i gialloblu da soli in testa alla classifica a punteggio pieno.

L’intervista

Il tecnico gialloblu Giovanni Ferraro, dopo la vittoria con il Muravera, analizza così la gara: “E’ stata una bella vittoria, voluta fortemente contro una squadra forte e quotata. Questo è un campionato competitivo e livellato, le insidie sono sempre dietro l’angolo. Dobbiamo stare tranquilli. Adesso è il tempo del riposo, poi da martedì penseremo alla sfida di domenica, un derby e quindi ancora più complicata. In questo momento è superfluo parlare di vittorie consecutive e di classifica, questi successi servono più per noi stessi, sono una conferma che stiamo lavorando nel modo giusto. Siamo felici ma l’umiltà deve restare la nostra arma migliore. Dietro di noi corrono, ci sono tante squadre forti e attrezzate. Sarà un percorso lungo, non possiamo permetterci di abbassare la concentrazione neanche per un secondo. Dietro a questa squadra ci sono persone e professionisti che lavorarono assiduamente e facilitano il nostro compito durante la settimana e la domenica. L’imbattibilità è merito di tutti, adesso si parla tanto del Giugliano ma fa parte del gioco, a noi il compito di far parlare il campo”.

Subito dopo si è presentato il capitano Ciro Poziello, ancora una volta tra i migliori in campo, che dice: “Abbiamo disputato una grande partita contro una squadra forte. Credo che il 2-0 sia un risultato giusto. Le cose stanno andando bene, ma come dice il mister dobbiamo restare sempre umili e pensare a lavorare. Dove vogliamo arrivare lo dirà il campo, noi non possiamo e non vogliamo pensare oltre. C’è sempre da migliorare non siamo perfetti, stiamo facendo bene ma dobbiamo lavorare sugli errori e sulle imperfezioni. La testa è già rivolta alla prossima gara”.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Divieto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche prima della partita del Napoli, la decisione del Comune

In occasione dell'incontro di calcio tra Napoli e Leicester, previsto per il prossimo 9 dicembre, è stata emessa un'ordinanza...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria