Giugliano. Ritardi per il ritiro dei farmaci salvavita: “Calpestato il diritto alla salute”

File per il ritiro dei farmaci salvavita, ancora caos stamattina all’Asl di Giugliano in via San Francesco D’Assisi. Il caso era già stato segnalato nelle scorse settimane dal Pd, ora è arrivata una nuova denuncia da parte di Potere al Popolo con un comunicato: “Da stamattina alle 8 decine di persone aspettano, alle 12,30 questa che vi mostriamo è la fila che ancora aspetta.
Un impiegato è andato in pensione, la dott.Pianese è in malattia,
le impiegate addette alla registrazione sono passate alla distribuzione ma comunque non ce la fanno.
Manca il personale e pazienti che hanno già problemi di salute molto seri probabilmente dovranno tornare a casa senza farmaci, anche se aspettano da stamattina.
I presidi di Mugnano e Villaricca pure sono chiusi per mancanza di personale.
La carenza di personale ricade sui pazienti,
E i farmaci SALVAVITA non vengono distribuiti.
Il direttore generale D’Amore e il presidente De Luca invece di farsi le passerelle perché non pensano a come risolvere la carenza atavica di personale?
Tutti i soldi sperperati in nuovi ambulatori e ospedali che poi non funzionano perché non si utilizzano per migliorare le strutture preesistenti, aumentare il personale e ottimizzare le risorse? Il signor De Luca è venuto ad inaugurare l’obitorio perché sa che è l’unico che è in grado di far funzionare. I pazienti hanno bisogno di rispetto, I cittadini sono stanchi di questo sciacallaggio. Il direttore generale Asl D’Amore E il presidente De Luca sono responsabili di queste mancanze. È INACCETTABILE che la distribuzione dei FARMACI SALVAVITA dipenda da quanto personale c’è. LA SALUTE È UN DIRITTO. I pazienti non possono aspettare i vostri comodi”.