Lavorava e intascava il Reddito di Cittadinanza, 49enne di Napoli rischia il carcere

reddito di cittadinanza inps controlli dati incrociati
Controlli sui percettori del Reddito di Cittadinanza

Percepiva il reddito cittadinanza ma non ha dichiarato di aver avuto nel frattempo altre entrate, legate ad alcuni lavori svolti. Con quest’accusa è finito a processo un quarantanovenne originario di Napoli e domiciliato in Valle d’Aosta.

E’ prevista infatti la reclusione da uno a tre anni in caso di “omessa comunicazione delle variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività irregolari, nonché di altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca o della riduzione del beneficio” del reddito di cittadinanza entro i termini specificati nel decreto legge ‘Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni’ del 28 gennaio 2019.

    Difeso dall’avvocato Carlo Laganà l’imputato, nell’udienza che si è svolta nei giorni scorsi, ha chiesto la messa alla prova e il giudice monocratico del tribunale di Aosta Marco Tornatore ha così sospeso il processo. Tra gennaio e agosto di quest’anno sono state 1.350 le famiglie valdostane che hanno percepito il reddito o la pensione di cittadinanza, in base all’aggiornamento congiunturale della Banca d’Italia.