Mascherine a casa con parenti e amici, la regola per evitare il contagio a Natale. L’Organizzazione mondiale della Sanità avverte che c’è un “alto rischio” di una nuova ondata di coronavirus all’inizio del 2021 in Europa, facendo riferimento all’ipotesi che i Paesi Ue temono da settimane.  “Le riunioni al chiuso, anche le più piccole, possono essere particolarmente rischiose per via di gruppi di persone, giovani e anziani, di famiglie diverse. Le riunioni dovrebbero essere tenute all’aperto, se possibile, e i partecipanti dovrebbero indossare mascherine e mantenere il distanziamento. Al chiuso è fondamentale limitare le dimensioni del gruppo e garantire una buona ventilazione per ridurre il rischio di esposizione”, raccomandano gli esperti dell’Oms Europa, che invitano a “eliminare la possibilità di affollamento, specialmente in ambienti confinati o chiusi, anche durante i viaggi”.

MISURE RESTRITTIVE PER LE FESTE DI NATALE

Dovrebbero essere varate misure da zona rossa durante tutte le feste di Natale, almeno fino al 6 gennaio. La linea sarebbe stata richiesta dal presidente del Veneto, Luca Zaia, durante la riunione tra governo e Regioni. Si tratta di una posizione condivisa dai ministri Boccia e Speranza, oltre che dai governatori di Lazio, Friuli, Molise e Marche. Inoltre se il 21 dicembre arriverà il via libera dell’Ema, subito dopo Natale potrebbero già essere vaccinati i primi italiani.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK. 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.