Lo scorso sabato notte i carabinieri sono intervenuti per interrompere una festa privata in una villa privata a Giugliano. Si tratta, per essere più precisi, di una villa presa in fitto e trasformata in discoteca, dove poi si sarebbero riuniti oltre cento ospiti. I militari davanti si sono ritrovati persone senza mascherine, nessun distanziamento e nessuna misura di protezione dal virus. A riportare la notizia è Il Mattino.

Ad organizzare il party, un imprenditore della movida napoletana, il quale ha invitato anche amici e conoscenti da Milano oltre ad organizzare il tam tam mediatico per creare un evento. Un sistema di organizzazione quasi impeccabile: navette e charter accompagnavano gli ospiti dal Nord o da addirittura altre capitali europee. I partecipanti venivano direttamente da, piazza dei Martiri, dalla Riviera di Chiaia e da fuori regione. Tutti, alle 22, si sono riuniti per dare inizio a quella che sarebbe stata una festa non finita nel migliore dei modi.

Per gli altri invitati la modalità di invito è stata leggermente diversa. Prima l’inoltro dell’invito, poi la richiesta di credenziali con tanto di foto per evitare infiltrati. Poi, nella tarda serata, l’invio della posizione su Whatsapp. Nella struttura anche bodyguard, vigilantes e autisti per permettere il ‘regolare’ svolgimento della festa.

L’arrivo dei carabinieri

All’arrivo dei carabinieri, quasi tutti si danno alla fuga. Su oltre cento persone, solo 22 hanno lasciato le proprie generalità e deciso di pagare la multa. Gli altri sono scappati non appena hanno notato le sirene grazie alle vetrate della villa privata  (che consentivano di osservare dall’interno, senza essere notati).

Dopo un giorno emerge che il regista della festa a Giugliano era già finito in un controllo da parte della polizia. Un giorno prima, infatti, aveva ospitato nella sua casa diversi amici per prepararsi alla gesta. Adesso, agli atti del fascicolo, ci sono decine di nomi di persone che hanno partecipato al party. Alcuni di questi saranno convocati nelle prossime ore. Al setaccio anche la mailing list e i nomi forniti al momento dello sbarco a Capodichino per gli ospiti giunti a Napoli da Milano.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.