Moratti, l'ex presidente dell'Inter dona il suo stipendio: 1,5 milioni per aiutare gli operai
Moratti, l'ex presidente dell'Inter dona il suo stipendio: 1,5 milioni per aiutare gli operai

La Saras, azienda petrolifera di cui Massimo Moratti ha il ruolo di presidente, come molte altre realtà, è dovuta ricorrere alla cassa integrazione. Ovviamente, per la crisi causata dal Covid. Per gli operai dunque stipendio ridotto che però verrà integrato dai circa 150 euro netti che arriveranno nelle buste paga di ottobre, novembre e dicembre a seguito del gesto dell’ex presidente dell’Inter, che ha scelto di donare il proprio stipendio annuale a beneficio dei suoi dipendenti.

Moratti, in una lettera inviata agli operai della sede di Sarroch (provincia di Cagliari), scrive: “Vi ringrazio per i sacrifici che state facendo che sono di grande aiuto per il superamento di un periodo difficile. Mi permetto di mettere a disposizione il mio emolumento annuo. Questo vi consentirà di alleviare, almeno in parte, il peso della cassa integrazione“.

Il compenso annuale di Moratti, circa 1,5 milioni di euro, finirà spalmato nella tasca dei dipendenti.

“La famiglia Moratti ancora una volta dimostra di stare vicino ai suoi dipendenti. Non ho mai visto un’iniziativa simile in alcuna realtà imprenditoriali in Sardegna” il commento di Stefano Fais, Rsu aziendale della Cgil.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.