23.9 C
Napoli
venerdì, Ottobre 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Scacco ai narcos di Napoli e provincia, ci sono anche i fratelli Del Re


Questa mattina il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 10 soggetti (8 in carcere, 1 agli arresti domiciliari e 1 obbligo di dimora nel comune di Napoli) gravemente indiziati di appartenere a un’organizzazione criminale napoletana dedita al narcotraffico. Al vertice della predetta organizzazione sarebbero collocati i fratelli Del Re, Armando (alias ‘A Pacchiana) e Antonio, collegati alla malavita organizzata del quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio. I due erano già reclusi poiché ritenuti responsabili dell’agguato commesso il 3 maggio 2019 in piazza Nazionale nei confronti di Salvatore Nurcaro (legato al Clan Reale), per questioni inerenti alla gestione delle piazze di spaccio. Nella stessa vicenda rimase gravemente ferita da pallottole vaganti la piccola Noemi e, più lievemente, la nonna.

Le indagini della guardia di finanza sui Del Re

Dalle indagini in corso in quel frangente da parte dei finanzieri del G.I.C.O. di Napoli emersero gli indizi decisivi che contribuirono in maniera determinante a individuare i fratelli Del Re quali organizzatori ed esecutori del tentato omicidio di Nurcaro che sortì drammatici effetti su persone innocenti. L’organizzazione criminale capeggiata dai due fratelli, secondo gli esiti investigativi, era una delle più attive nel traffico di stupefacenti nelle principali piazze di spaccio di Napoli e provincia. I rifornimenti avvenivano attraverso autovetture dotate di doppifondi. I successivi approfondimenti investigativi hanno portato anche al sequestro di oltre 3 chili di hashish e alla ricostruzione di linee di forniture di stupefacenti a favore di un sottogruppo operante a Cattolica, in Emilia Romagna. Gli accertamenti economico-patrimoniali, portati avanti in parallelo dal GICO, hanno inoltre fatto emergere che la quasi totalità dei soggetti colpiti dai provvedimenti restrittivi sono beneficiari del reddito di cittadinanza.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Derubavano pendolari sugli autobus a via Foria, smascherati dal FaceID del cellulare

I pendolari erano le loro vittime designate, persone che, prese dalla fretta di raggiungere i luoghi di lavoro, viaggiavano...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria