I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno eseguito, all’interno della Casa di Lavoro di Tolmezzo  ove è internato per altra causa, l’ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’Assise di Appello nei confronti di Pasquale Puca, detto ‘o minorenne, elemento apicale della criminalità organizzata egemone sul Comune di Sant’Antimo  e territori limitrofi, in quanto ritenuto responsabile di omicidio aggravato dal metodo e dalle finalità mafiose.

Il provvedimento sancisce il concorso di Puca, quale mandante, nell’omicidio premeditato in danno di Francesco Verde, detto ‘ Negus, avvenuto nel citato centro dell’hinterland napoletano il 28 dicembre 2007. Il processo, da cui scaturisce la misura restrittiva, celebrato dinanzi alla Corte d’Assise di Appello, sulla scorta delle indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, ha provato che l’efferato fatto di sangue consentì alla compagine di camorra capeggiata da Puca di esercitare il predominio sul territorio, confederandosi con il gruppo Marrazzo: fu proprio Vincenzo Marrazzo, infatti, ad occuparsi della fase esecutiva dell’agguato.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.