benzina app siti risparmiare
Come risparmiare sul costo della benzina

Il costo della benzina continua ad aumentare, così come confermato dalle rilevazioni settimanali condotte dal ministro dello Sviluppo Economico. Il prezzo in modalità self service ha raggiunto quota 1,65 euro al litro (1.649,60 centesimi). Segnando, così, il livello più alto da novembre del 2018. Balzo anche per il diesel, che si attesta a 1,508 euro al litro, prezzo più alto da giugno del 2019. Invece La settimana precedente la benzina si attestava a 1,634 euro a il gasolio a 1,494 euro.

CARO BENZINA, ECCO COME RISPARMIARE CON I SITI E LE APP

Da marzo 2021 Google Maps permette di visualizzare le pompe di benzina più vicine e  anche il prezzo dei carburanti. Per poter usufruire di tale funzione non ci sono passaggi da seguire, visto che i prezzi dei carburanti disponibili vengono mostrati automaticamente nella pagina di presentazione delle stazioni di servizio. Quando si apre la scheda del benzinaio Google Maps mostra così i prezzi fra le prime informazioni.

Prezzibenzina.it è probabilmente il sito più noto e cliccato tra quelli che segnalano i distributori più economici. I prezzi sono inseriti dagli stessi utenti registrati al sito. Le informazioni sono disponibile anche con un’app scaricabile per iOS, Android, Windows Phone e Blackberry 10,

GLI AUMENTI PREOCCUPANO LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI

La corsa dei prezzi allarma le associazioni dei consumatori. “Oggi la benzina costa il 17,5% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre il gasolio è aumentato del +16,8%. Da inizio anno la verde ha subito un rincaro alla pompa del 14,4%, +14,2% il diesel. Tradotto in soldoni, un pieno di benzina costa oggi 12,3 euro in più rispetto allo stesso periodo del 2020, +10,8 euro un pieno di gasolio”, evidenzia il Codacons. Gli aumenti, sottolinea l’associazione, “si registrano in occasione degli spostamenti degli italiani per il periodo estivo, e determineranno su base annua una stangata media da 295 euro a famiglia“.

Preoccupata anche Coldiretti. “In un Paese come l’Italia dove l’85% dei trasporti commerciali avviene per strada il record dei prezzi dei carburanti ha un effetto valanga sulla spesa con un aumento dei costi di trasporto oltre che di quelli energetici”, lamenta l’associazione. “L’aumento è destinato a contagiare l’intera economia perché se salgono i prezzi del carburante si riduce – sottolinea la Coldiretti – il potere di acquisto degli italiani che hanno meno risorse da destinare ai consumi”. “Gli effetti si fanno sentire dalla spesa quotidiana alle vacanze con l’aumento dei costi per i trasferimenti per l’esodo estivo con – precisa la Coldiretti – ben un italiano su tre (33%) che ha scelto di trascorrere le ferie all’interno della propria regione”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.