24 C
Napoli
lunedì, Maggio 27, 2024
PUBBLICITÀ

Psicosi crolli al Vomero, i residenti di via Morghen e via Solimena: “Viviamo nella paura”

PUBBLICITÀ

Una celere conclusione dei lavori di riempimento della voragine apertasi con il crollo del 21 febbraio e la clemenza del meteo, onde evitare altri allagamenti come quelli del 29 febbraio e ancora il 9 marzo. Si basa su questi due fattori la speranza possesso per le oltre 20 famiglie di via Morghen 63 e via Solimena 9 di riprendere possesso delle loro abitazioni, abbandonate in fretta e furia dopo i crolli causati da infiltrazioni d’acqua dovute alla rotture delle condutture idriche. L’acqua e il fango hanno travolto non solo gli appartamenti del complesso residenziale privato delle due vie del Vomero ma anche diverse attività commerciali di fatto al momento chiuse.

I chiarimenti del tecnico del condominio

L’ingegnere Vincenzo Pagliarulo, tecnico dell’edificio facente parte dello stesso complesso residenziale vomerese di via Morghen 63 e via Solimena 9, chiarisce: «È di questi giorni la notizia – ricorda il professionista a cui i condomini hanno affidato l’incarico di supervisione- che l’Abc dovrebbe completare il riempimento della voragine su via Morghen e realizzare anche il marciapiede che è crollato in modo da consentire agli abitanti di via Morghen di poter arrivare a casa in una condizione di sicurezza». In quel frangente, aggiunge Pagliarulo, «da tecnico incaricato andrò a ispezionare singolarmente gli immobili per verificare l’eventuale presenza fessurativa all’interno del condominio». 

PUBBLICITÀ

Nel frattempo, prosegue l’ingegnere, «la ditta incaricata dal condominio sta continuando a rimuovere fanghi e detriti e anche l’altro materiale riscontrato nelle ultime piogge, soprattutto di quella di sabato 9 marzo, con il conseguente ritardo dei lavori e il rientro in casa. Domenica mattina (10 marzo, iieri ndr.) Abc ha sostituito il tratto fognario danneggiato e se non ci saranno altri danneggiamenti, i tempi potrebbero accorciarsi». 

Ipotizzare date è ancora prematuro ma contando sullo stop di questo periodo così piovoso, la tabella di marcia potrebbe subire un’auspicata accelerazione.

L’amarezza di residenti e commercianti

Dai fatti del 21 febbraio gli appelli al Comune di Napoli, ad Abc, alla Protezione Civile e agli altri enti interessati a imprimere una svolta da parte degli abitanti sgomberati e degli esercenti si sono moltiplicati. Ancora in queste ore sia chi abita in via Solimena 9 che in via Morghen 63 ed ha le attività nelle stesse arterie e dintorni, non troppo convintamente sperano in un ritorno alla normalità nei prossimi giorni o settimane.

«La situazione è tragica sia per noi commercianti che per chi è stato sgomberato, con qualcuno costretto a pagare un b&B» affermano dalla pizzeria Troisi mentre i titolari raccolgono i barattoli di pomodori, conserve e altri prodotti frantumatisi dopo le recenti nuove cadute di detriti. L’impatto devastante, ha complicato ancora di più i piani. «I tempi di riapertura erano già indefiniti prima, ora sembrano non esserci spiragli. E in tutto questo, brancoliamo nel buio» chiosano dalla pizzeria.

Dalla carrozzeria e rivendita auto Gruppo Colotti di via Solimena arriva una nuova messa in guardia da parte del titolare, Luigi Colotti: «Il muro nei pressi di via Bonito è pericolante. Le infiltrazioni lo hanno reso fragile e il prossimo a cadere sarà proprio questo muro. Anche l’edificio dove ci troviamo noi è ammalorato. I lavori non sono sufficienti, mancano le capacità di risolvere realmente il problema». 

«Quanto sta succedendo è gravissimo, soprattutto quello che è successo sabato, con la nuova rottura della conduttura idrica di via Morghen. C’è tanta preoccupazione» sintetizzano i residenti del Vomero, quartiere il cui prestigio è stato superato dalla fragilità, peraltro già pienamente visibile.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Antonio Sabbatino
Antonio Sabbatino
Iscritto all'Albo dei pubblicisti dall'ottobre 2012, ho sviluppato nel corso degli anni diverse competenze frutto dell’esperienza sul campo in ambito politico, sociale e di cronaca, sia bianca che nera. Sono stato conduttore radiofonico di programmi musicali presso Radioattiva, radio web napoletana e redattore e collaboratore di diverse testate online. Attualmente sono inviato per il quotidiano Roma, il più antico giornale napoletano, di InterNapoli.it che rappresenta una delle realtà più dinamiche del panorama giornalistico napoletano, campano, la neonata testata Tell che approfondisce i grandi temi politico-sociali a più livelli e Comunicare il Sociale rivista specializzata di Terzo Settore.
PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Riciclaggio per 13,5 milioni, nei guai l’ex portiere del Napoli Taglialatela

E' finito nei guai Giuseppe Taglialatela, ex portiere e capitano del Napoli con trascorsi anche nella Fiorentina. Ed è...

Nella stessa categoria