Il feretro di Raffaele Cutolo è arrivato poco dopo le 23,15 di sabato nel cimitero di Ottaviano, paese del boss della Nuova camorra organizzata. Il ‘professore’ è stato sepolto subito dopo la benedizione in nottata e non domenica mattina come era trapelato in un primo momento. Ad attendere la bara, scortata dalle forze dell’ordine, c’erano la moglie Immacolata Iacone e la figlia Denyse, che si erano recate a Parma, dove è morto il boss detenuto in regime di 41 bis.

Immacolata e la figlia sono state raggiunte nel cimitero dal fratello e la sorella di Cutolo, Pasquale e Rosetta, e da pochi altri parenti, per un totale di dodici persone ammesse alla benedizione del feretro. La strada che porta al camposanto è stata chiusa per motivi di ordine pubblico fino a domenica mattina. Nello stesso cimitero è sepolto anche Mario Fabbrocino, boss dell’omonimo clan, e promotore della Nuova Famiglia, nata in contrapposizione alla Nco di Cutolo. Fabbrocino morì a 76 anni nel 2019 in un ospedale di Parma, dove era detenuto all’ergastolo, e fu sepolto poi ad Ottaviano.

Nella giornata di venerdì i necrologi apparsi nella città natale di Cutolo avevano diviso la cittadinanza. Per molti cittadini di Ottaviano, silenziosi, il manifesto ha scatenato indignazione. Parallelamente in tanti hanno espresso cordoglio alla famiglia.

IL MESSAGGIO DELLA FAMIGLIA DI CUTOLO

“Serenamente si è spento, all’età di 79 anni, la cara esistenza di Raffaele Cutolo, detto ‘e Monache – si legge sul manifesto funerario – ne danno il triste annuncio la moglie Immacolata Iacone, la figlia Denyse, il fratello Pasquale, la sorella Rosetta, nipoti e parenti tutti. A causa dell’emergenza covid, si dispensa dalle visite”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.