Raffaella Carrà
Raffaella Carrà

È morta Raffaella Carrà, la regina della musica italiana ci ha lasciato a 78 anni. A dare il triste annuncio è stato Sergio Iapino, che all’Ansa ha ricordato come Raffaella, nonostante non avesse mai avuto figli, ne aveva in realtà a “migliaia”. Sì, perché grazie al programma ‘Amore’, era riuscita a farne adottare a distanza 150mila. “Donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli diceva sempre leine aveva a migliaia, come i 150mila fatti adottare a distanza grazie ad ‘Amore’, il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore”, ha raccontato il compagno.

Perché Raffaella Carrà non aveva figli

In una lunga intervista rilasciata qualche tempo fa a OkSalute, Raffaella Carrà sottolineò che da giovane aveva pensato di farne, ma era stata poi sovrastata dal lavoro e non voleva dare ai suoi figli la figura di una madre part time.

Anni dopo, grazie all’incontro con Sergio Iapino, nacque in lei la volontà di diventare mamma. Poi il colloquio con un ginecologo che, vista l’età, gli disse che sarebbero state necessarie delle terapie molto invasive, motivo per cui alla fine la Carrà decise di non intraprendere il percorso.

Morta Raffaella Carrà

«Raffaella Carrà si è spenta alle ore 16.20 di oggi. Stroncata da una malattia che da qualche tempo aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia. Una forza inarrestabile la sua. L’ha imposta ai vertici dello star system mondiale, una volontà ferrea che fino all’ultimo non l’ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza.

L’ennesimo gesto d’amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l’affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei».

La carriera e la malattia

Gli anni 2000 per Raffaella Carrà iniziano con il botto infatti nel 2001 presenta Sanremo. Il mondo ce la invidia, Spagna e Sudamerica in primis, dove ha raggiunto livelli di popolarità senza precedenti grazie al suo carattere socievole e alla mano, che non ha mai sfociato verso atteggiamenti di divismo o superiorità. Ed è proprio questo il suo marchio di fabbrica: far sentire sempre tutti a proprio agio e importanti.

“Sono contenta di non essermi montata la testa, ho molta autoironia” ha dichiarato, svelando poi uno dei motivi del suo successo: “Se non si è sereni con se stessi, non si potrà mai fare bene questo lavoro”. Ha trovato la sua anima gemella nel coreografo Sergio Japino che ha incontrato per la prima volta nella trasmissione “Millemilioni”. Da allora sono passati 35 anni e loro continuano a vivere e a lavorare insieme anche se non si sono mai sposati. Il suo ultimo successo è “A raccontare comincia tu”, che fa eco a un suo grande successo canoro; in questo format incontra personaggi famosi e li intervista in modo originale.

Le sue ultime volontà

Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri

Raffaella Carrà — il cui vero nome era Raffaella Maria Roberta Pelloni — era nata a Bologna il 18 giugno del 1943. Si è spenta alle 16.20 di oggi, lunedì 5 luglio, dopo una malattia che — ha spiegato sempre Iapino — «da qualche tempo aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.