Giovane di Melito morto in carcere, la famiglia: “Vogliamo sapere cosa è successo”

Salvatore Luongo, morto in carcere
Salvatore Luongo, morto in carcere

Chiedono di sapere cosa è accaduto e di vedere il corpo di Salvatore Luongo, 22enne di Melito deceduto in circostanze sospette nel carcere di Benevento. Ieri sera Salvatore ha telefonato ai familiari dicendo che stava bene ma che era un po’ preoccupato per la presenza nella sua cella di un nuovo detenuto, di nazionalità bulgara, che lo guardava con atteggiamento sospetto. “Chiederò di essere trasferito”, disse Salvatore ai familiari. Quella è stata l’ultima volta che lo hanno sentito. Alle 23:30 di ieri sera è arrivata, infatti, una chiamata alla compagna che ha avvisato della morte di Sasà. “Purtroppo le dobbiamo dare una brutta notizia, Salvatore è deceduto, si è ucciso. Il corpo sarà portato all’ospedale di Giugliano per il riconoscimento”. Una doccia gelata.

I familiari credevano fosse uno scherzo, ma si sono recati lo stesso all’esterno del San Giuliano dove, verso l’una di notte, è giunto un furgone con la bara di Salvatore. “La sala mortuaria era chiusa, nessuno aveva avvisato dell’arrivo della bara. Il cadavere è rimasto per 3 ore nel furgone. Abbiamo chiamato polizia, carabinieri, carcere di Benevento. Nessuno ci ha risposto. Solo alle 4 è stata aperta la sala mortuaria. A noi non è stato concesso di vederlo”, denunciano i familiari. “Non sappiamo com’è morto, ci hanno detto che si sarebbe ammazzato ma noi non ci crediamo. Vogliamo conoscere la verità”. 

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.