WhatsApp, stop agli inoltri nei gruppi: la decisione per evitare fake news

La popolare app di messaggistica WhatsApp ha annunciato che limiterà a una sola chat per volta l’inoltro di messaggi “virali”, cioè di messaggi che sono già stati inoltrati molte volte. Al momento è infatti possibile inoltrare un qualsiasi messaggio, che sia virale o meno, fino a cinque chat per volta, che siano conversazioni con singole persone o gruppi. I messaggi virali sono quelli contrassegnati da una doppia freccia  che segnala i messaggi provenienti da più inoltri e quindi di provenienza incerta: la doppia freccia è stata inserita mesi fa da WhatsApp per segnalare a chi riceve un messaggio quando questo potrebbe contenere informazioni fuorvianti o palesemente false. Il nuovo limite dovrebbe servire a impedire la circolazione di notizie false riguardanti la pandemia da coronavirus, e verrà introdotto nei prossimi aggiornamenti dell’app.

 

ADDIO alle catene di Sant’Antonio. Almeno ci si prova, di nuovo, con un provvedimento fortemente restrittivo. WhatsApp ha infatti annunciato che limiterà l’inoltro dei messaggi a un contatto per volta. Non sarà cioè più possibile prendere un singolo contenuto ricevuto da altre persone o pescato da un gruppo, dunque già inviato – un testo, una foto, un video – e rilanciarlo a cinque contatti, come finora era possibile. Si procederà uno per volta. Il tutto per rendere più complicata, o almeno disincentivare, la circolazione di bufale e imprecisioni, che spesso si nascondono proprio nelle catene che propongono messaggi virali.

Al momento, infatti, gli inoltri possibili sono cinque alla volta, a prescindere che si tratti di una conversazione singola o di un gruppo, in grado dunque di raggiungere molte più persone. Li si riconosce da una piccola icona di una doppia freccia, che ricorda un po’ quella delle e-mail e che sta appunto a indicare un contenuto ricevuto e rilanciato. Anche questa novità grafica – che si associa all’icona della freccia singola per i contenuti inoltrati una sola volta e per cui le nuove indicazioni non dovrebbero valere – è relativamente recente e fa parte dei ripetuti tentativi dell’applicazione controllata da Facebook di segnalare ai destinatari che non si tratta di un messaggio ex novo, composto apposta per noi dall’interlocutore, ma di una cosa presa e, appunto, inoltrata. Ora l’operazione sarà possibile con una sola conversazione alla volta. Volendo inoltrare il contenuto a più contatti bisognerà ogni volta ripartire da capo, senza poter più selezionare cinque diversi destinatari dalla lista dei più frequenti e dei contatti.