Nel pomeriggio di oggi, un barbiere a Pontecagnano ha alzato la sua saracinesca per tagliare i capelli ad un solo cliente
Nel pomeriggio di oggi, un barbiere a Pontecagnano ha alzato la sua saracinesca per tagliare i capelli ad un solo cliente

Nel pomeriggio di oggi, un barbiere a Pontecagnano ha alzato la sua saracinesca per tagliare i capelli ad un solo cliente. E no, non è assolutamente una protesta: semplicemente, il sindaco Giuseppe Lanzara ha autorizzato Carmine Casale a riaprire. Ma per quale motivo? Nell’ordinanza sindacale si parla di una esigenza ‘speciale’. Quale? Un ragazzo di 15 anni, affetto da una grave forma di disturbo dello spettro autistico che si manifesta con «comportamenti metodici e routinari schematizzati nella sua mente, la cui rottura avrebbe risvolti di notevole compromissione».

La madre ha contattato il Comune

«La madre di questo ragazzo – spiega il sindaco Lanzara – mi ha contattato preoccupata per la salute del figlio che, abituato al taglio di capelli mensile, sempre nello stesso giorno e allo stesso orario, vedendosi ora nell’impossibilità di andare dal barbiere avrebbe potuto reagire in modo scomposto, degenerando nella violenza». Il barbiere aprirà «per il tempo strettamente necessario per consentire il tradizionale e mensile taglio di capelli». Inoltre, il primo cittadino ha riferito che tale operazione si ripeterà il 26 di ogni mese nel caso in cui si procrastinasse lo stato di emergenza e la chiusura di negozi di barbieri e parrucchieri.

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Pubblicità