Ennesima aggressione nell’ospedale di Napoli, papà picchia operatore sanitario

Immagine di repertorio
Brutale aggressione nel primo pomeriggio di ieri presso il presidio ospedaliero della Annunziata a Napoli. Vittima un operatore sanitario che è stato colpito al naso con un pugno. A riportare la notizia è l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate. L’aggressore, un uomo di circa 30 anni, ha agito quando l’operatore stava andando a ritirare i risultati degli esami diagnostici dei piccoli pazienti. Subito dopo, l’assalitore inizia ad urlare contro il sanitario affermando che suo figlio non sta bene e che la moglie lo ha lasciato. Pertanto, l’operatore socio sanitario cerca di respingerlo e lo stesso fugge via per le scale.

Il post denuncia di Nessuno Tocchi Ippocrate

Ennesima aggressione ai danni di un Operatore socio sanitario del presidio ospedaliero della Annunziata. In data 15 settembre 2020 alle ore 13.40 circa, presso l’ospedale partenopeo , l’operatore sanitario è stato aggredito fisicamente con un pugno al naso . L’aggressione è avvenuta nel momento in cui l’operatore stava andando a ritirare i risultati degli esami diagnostici dei piccoli pazienti, cossichè viene aggredito da un uomo di circa 30 anni , che gli sferra un pugno al naso e lo colpisce in pieno volto, in quanto l’operatore non è riuscito a difendersi dal colpo. Successivamente, l’uomo, inizia ad urlare contro il sanitario affermando che suo figlio non sta bene e che la moglie lo ha lasciato; pertanto l’operatore socio sanitario cerca di respingerlo e lo stesso fugge via per le scale. Immediatamente sono state allertate le forze dell’ordine e le guardie giurate ma l’uomo è scappato e non è stato più rintracciato. Sono in corso accertamenti e ricerche“.