12.9 C
Napoli
sabato, Dicembre 4, 2021
- Pubblicità -

Droga a Pianura, due gruppi vogliono conquistare il quartiere


L‘arresto ieri a Pianura di un giovane per possesso di cocaina è l’ennesima dimostrazione dell’azione costante degli uomini dello Stato per smantellare i punti vendita di droga nell’area flegrea. La zona da tempo vive una fase di fibrillazione dal punto di vista criminale. L’implosione dei Pesce-Marfella e gli arresti nella fazione avversaria dei Mele hanno portato a un cambiamento radicale dello scenario criminale. Per capire cosa sta accadendo bisogna ritornare all’ultima stesa, quella avvenuta in via Evangelista Torricelli contro l’auto del ras Salvatore D’Anna. Quattro i colpi esplosi con un finestrino  andato in frantumi mentre due fori di proiettili sono stati trovati su una portiera. Salvatore ‘o visionario è indicato come gestore di una delle piazze più redditizie del quartiere. Non solo. Salvatore è anche figlio di Pasquale, protagonista suo malgrado di un altro fatto recente di cronaca. Lo scorso 9 agosto il giovane, insieme ad un altro pregiudicato, sotto la Galleria Laziale avvicinati da due persone in sella a uno scooter che volevano rapinargli il Rolex. La reazione di D’Anna e del suo amico era costata il loro ferimento.

Lo scenario criminale a Pianura

Quell’episodio, se letto alla luce degli eventi recenti, assume tutto un altro valore. Gli investigatori ipotizzano che quel raid possa essere collegato a ciò che sta avvenendo nel quartiere dove al momento si seguono due piste. La prima, più debole, vorrebbe il gruppo Carrillo (erede di quel che resta dei Pesce-Marfella) riorganizzarsi e puntare contro i Calone-Loffredo, gruppo che ha preso il posto dei Mele prima dell’incarcerazione dei suoi capi. Si tratterebbe così dell’ennesimo capitolo di una guerra infinita. L’altra pista, più concreta, vedrebbe una spaccatura all’interno dello stesso gruppo con Antonio Calone che avrebbe preso così le distanza da Umberto Loffredo, ras conosciuto nel quartiere con il soprannome di ‘Padre Pio’. I due gruppi starebbero dunque riorganizzandosi e questo potrebbe spiegare l’arresto, effettuato due giorni fa, dagli uomini del commissariato di Pianura (guidato dal dirigente Arturo De Leone, ispettore capo Ernesto Lepre) di Luigi Perrottatrovato con una pistola in casa. Il giovane è indicato come vicino al gruppo Calone.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

É un dentista l’uomo che voleva vaccinarsi con il braccio di silicone, la protesi comprata online

Guido Russo, 57 anni, dentista che si era presentato col braccio in silicone per ottenere il Green pass senza vaccinarsi, non nascondeva certamente le...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria