7.4 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Napoli, la Soprintendenza dice no al Babbo Natale gigante: “Vietate strutture oltre 2 metri e mezzo”


La Soprintendenza approva il piano delle Luci di Natale di Napoli, offerto dalla Camera di Commercio. “” all’albero di Natale di 22 metri in piazza del Plebiscito, ma con il divieto di posizionare installazioni tridimensionali superiori a 2,5 metri. Bocciati, quindi, il Babbo Natale gigante a piazza Municipio, l’Angelo di Via Duomo e la Casetta natalizia di piazza Trieste e Trento.

Divieti e approvazioni della Soprintendenza per le Luci di Natale a Napoli

Dopo il “debutto tecnico” con il Babbo Natale gigante di piazza Vittoria – repentinamente rimosso – la Soprintendenza del Palazzo Reale ha definitivamente approvato il piano delle Luci di Natale. La delusione, tuttavia, deriva dal parere negativo rivolto alle installazioni tridimensionali: queste non potranno essere più alte di 2,5 metri. Il divieto coinvolgerà, infatti, il Babbo Natale gigante (10 metri) previsto a piazza Municipio, insieme all’Angelo di via Duomo (4 metri), e alla Casetta Natalizia in piazza Trieste e Trento. È confermata, invece, la presenza dell’albero di Natale a piazza del Plebiscito. Risparmiato, nonostante l’altezza di 22 metri, poiché non rientrante nella categoria delle installazioni tridimensionali.

La reazione del presidente della Camera di Commercio

Sicuramente una notizia negativa per Ciro Fiola, presidente della Camera di Commercio di Napoli, che aveva offerto l’illuminazione natalizia alla città di Napoli con le migliori intenzioni. Soprattutto dopo il fiasco del 2020. L’anno scorso, infatti, il Comune non accese le luminarie, a parte qualche installazione simbolica come il “Panaro” della tombola a piazza Municipio.

Le motivazioni dietro al divieto 

Le luci, comunque, ci saranno sicuramente nel resto della città. Il piano proposto – per un importo di 2,3 milioni di euro – ha ricevuto nel complesso l’autorizzazione dei funzionari del ministero dei Beni Culturali. A bloccare le installazioni più grandi, infatti, sarebbe una postilla in calce al parere della Soprintendenza. Questa prevede, sostanzialmente, che nelle piazze e negli spazi urbani che ricadono nel perimetro del sito Unesco le figure in 3D non possano superare i 2,5 metri di altezza. Ad esclusione, tuttavia, degli alberi di Natale.

I tentativi di mediazione per salvare le Luci di Natale

Ad ogni modo, le diplomazie sono al lavoro nel tentativo di trovare una mediazione. Non è escluso anche un intervento del neo eletto sindaco Manfredi. La Camera di Commercio conta, infatti, di riuscire a superare l’impasse e ad avere l’autorizzazione anche per le installazioni più grandi. Lo scorso anno, infatti, la Tombola di piazza Municipio era alta probabilmente più alta di 2,5 metri.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Tragico schianto nel Casertano, Angela muore a 37 anni: due comunità sconvolte

Una donna di 37 anni è morta in seguito ad un incidente stradale che ha coinvolto l'auto su cui...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria