25.3 C
Napoli
sabato, Luglio 13, 2024
PUBBLICITÀ

Permessi di soggiorno in cambio di soldi, sgominato business criminale a Napoli: possibile ingresso di terroristi

PUBBLICITÀ

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha confermato il carcere per Flavio Scagliola, 44 anni, il poliziotto sospeso dal servizio coinvolto nell’ indagine della Procura di Napoli (pm Catello Maresca e Maria Di Mauro, coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli) sui permessi di soggiorno a extracomunitari concessi dietro compenso. I due avvocati di Scagliola, Angelo Raucci e Dario Mancino, avevano fatto istanza di attenuazione della misura cautelare del carcere chiedendo gli arresti domiciliari.

Stessa linea difensiva anche per l’avvocato di Salim Fourati, detto «Zaito» o «Samuele», di 48 anni, un altro dei sette arrestati, e analoga decisione del Riesame che anche in questo caso ha confermato il carcere. Il Giudice ha ritenuto sussistente la possibilità di reiterazione del reato attraverso la commissione del quale potrebbero essersi introdotti in Italia e quindi in Europa personaggi legati a terrorismo. Le indagini della Procura stanno infatti proseguendo anche per accertare se il sistema possa essere stato funzionale anche all’ingresso di terroristi.

PUBBLICITÀ

Ad ammettere l’esistenza dell’organizzazione composta da italiani, tra cui un agente e tre ex poliziotti, e immigrati, ed a spiegarne il funzionamento, è stato, durante l’interrogatorio, Mounir Grine, 36 anni, anche lui arrestato da Gico e Polizia in un blitz congiunto dello scorso 23 maggio. L’avvocato di Grine ha rinunciato a ricorrere al Riesame, in quanto il suo cliente ha confessato, e fatto istanza di scarcerazione al gip. Nella documentazione integrativa consegnata ieri dagli inquirenti figurano anche delle intercettazioni, risalenti ad aprile, le quali inducono a ritenere che la compravendita dei permessi di soggiorno è proseguita fino al momento degli arresti. Consegnate anche alcune agende sequestrate agli indagati durante le perquisizioni su cui sono riportate decine di numeri di pratica in corrispondenza a somme di denaro.

Grine, che inizialmente faceva il collaboratore domestico per uno dei poliziotti arrestati, ha spiegato il «sistema» e riferito di essere stato cooptato nella cosiddetta banda dei permessi di soggiorno dal suo datore di lavoro. L’immigrato ha anche detto di essersi poi tirato indietro, circa un anno fa, dopo essersi reso conto che attraverso quel sistema potevano approdare in Italia soggetti estremamente pericolosi. La Procura ha fatto appello per chiedere l’applicazione di una misura cautelare ad altri tre indagati. Lunedì è attesa la decisione del Riesame in merito al ricorso presentato dai legali di altri due indagati.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Elena uccisa a soli 5 anni, mamma condannata a 30 anni di carcere

La prima Corte d'assise di Catania ha condannato a 30 anni di reclusione Martina Patti, la 25enne rea confessa...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ