sant'antonio abate
Foto di repertorio

Era da anni che risparmiava sulla bolletta elettrica. Mai un rincaro della “luce” era stato in grado di preoccupare un 58enne di Sant’Antonio Abate, titolare di un panificio della città. Grazie alla manipolazione del contatore e all’allaccio abusivo alla rete elettrica nazionale, l’uomo era riuscito a risparmiare circa 105mila euro.

Soldi che dovrà verosimilmente restituire ora che i carabinieri della stazione locale hanno scoperto il trucchetto. Con un interruttore montato ad arte poteva attivare o disattivare la rilevazione dei consumi: in occasione dei controlli lo switch era posizionato in modo da dirottare il flusso di energia sul contatore e quando gli occhi delle forze dell’ordine erano lontani, il collegamento diretto sulla rete veniva ripristinato senza alcun filtro. Il 58enne è stato arrestato per furto di energia elettrica ed è stato sottoposto ai domiciliari in attesa di giudizio.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.