118 ponticelli
Immagine di repertorio

Nottata da incubo per la postazione 118 di Ponticelli. Dei malviventi, approfittando dell’assenza dell’equipaggio per un intervento, hanno forzato la postazione dei sanitari e portato via tutto quello che c’era all’interno. Come se non bastasse, poi, hanno anche rubato l’autovettura del medico. A riportare la notizia è Nessuno Tocchi Ippocrate.

Vergogna a Ponticelli, svaligiano la postazione del 118 e rubano l’auto del medico. Il post di Nessuno Tocchi Ippocrate

“È accaduto stanotte! L’equipaggio di Ponticelli esce per un intervento e al suo rientro trovano l’amara sorpresa; postazione forzata e totalmente svaligiata di tutto quello che era all’interno! Ma non finisce qui……..i sanitari,uscendo fuori al fine di sporgere regolare denuncia ,si sono accorti che l’autovettura del medico era stata rubata!

Fortunatamente grazie all’antifurto satellitare e con il preziosissimo aiuto delle forze dell’ordine il veicolo e’ stato ritrovato poco distante!

‘Alla collezione di aggressioni ci mancavano solo i ladri! Sempre più difficile la vita di chi ha la colpa di curare le persone! Continuiamo a ribadire che Napoli non si merita il 118, bisogna tornare con auto, clacson e fazzoletto bianco dal finestrino!'”.

AGGRESSIONE A 118 PONTICELLI, ARTICOLO DEL 12 MAGGIO 

Ancora un’aggressione ai danni dei sanitari del 118. L’ultimo episodio, raccontato da Nessuno tocchi Ippocrate, è avvenuto a Ponticelli, in via Vera Lombardi. Intorno alle 21 di metà maggio, difatti, arriva una chiamata all’equipaggio medico, allertato per un paziente autolesionista. Quest’ultimo era già noto al servizio del 118 e, per questo motivo, l’ambulanza è stata scortata dai carabinieri.

Appena entrati nel domicilio, il paziente chiede di parlare con il medico. Dopo essersi avvicinato, però, riceve un calcio al petto cadendo a terra. L’aggressione è avvenuto proprio sotto agli occhi delle forze dell’ordine che avevano scortato i camici bianchi. Immediata la chiamata per fare accorrere sul posto altre pattuglie, per un totale di 7 auto. Proprio le forze dell’ordine trasferiscono l’uomo all’Ospedale del Mare – dopo che questo ha minacciato i sanitari – e appena entra al pronto soccorso, aggredisce l’infermiere del triage. Dall’altra parte, invece, il medico del 118 ha scelto di non refertarsi per continuare il servizio date le poche ambulanze.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.