Sarri alla Juventus, domani la presentazione in stile CR7

Maurizio Sarri è il quarto allenatore dell era Agnelli in quella che sarà la decima stagione sotto la sua presidenza. Nel 2010, alla sua prima stagione alla guida dei bianconeri, ingaggia in blocco dirigenti e allenatore della Sampdoria che aveva conquistato sorprendentemente i preliminari di Champions League. E così, con Beppe Marotta e Fabio Paratici, arriva anche Luigi Gigi Delneri. Le risorse a sua disposizione sono poche e la rosa non può essere lontanamente paragonata a quelle degli ultimi anni. L’inizio è buono, fino a metà stagione la Juve viaggia stabilmente al secondo posto alle spalle del Milan dei fuoriclasse guidato dal giovane Massimiliano Allegri. Poi una serie di infortuni e il crollo che porta la Juventus al settimo posto e alla decisione della dirigenza di cambiare la guida tecnica.

Battute a parte, Sarri per conquistare i tifosi avrà un aiuto ben più importante: quello della società, pronta a sostenerlo come aveva fatto a suo tempo per Massimiliano Allegri, pure lui arrivato tra le contestazioni. Un sostegno dimostrato col più concreto ed evidente degli argomenti, la durata triennale del contratto, ma anche con dettagli formali eppure significativi. Come il luogo scelto per la presentazione.

La presentazione di Maurizio Sarri, prevista per giovedì alle 11, sarà un’occasione molto speciale. Esattamente come era avvenuto con l’approdo Cristiano Ronaldo, per l’occasione verrà utilizzata la sala Gianni e Umberto Agnelli che era stata aperta il 6 luglio unicamente per prime parole in bianconero del fenomeno portoghese.

L’ex tecnico del Chelsea sarà chiamato a rispondere, in conferenza stampa, alle domande dei giornalisti presenti.