Scosso dalla madre perchè non dormiva, il bambino è morto

È morto il piccolo di 5 mesi che una settimana fa era giunto in ospedale in coma dopo che la madre lo aveva violentemente scosso. La commissione medica, composta da un medico legale, un neurologo e un anestesista, ha decretato la morte cerebrale in seguito a un secondo approfondito esame, e questa mattina sono state staccate le macchine che tenevano in vita il bambino. La Procura di Padova ha autorizzato l’espianto degli organi. L’altra figlia della coppia, una bimba di un anno e mezzo, è stata affidata ai nonni. Il tribunale del Minori ha deciso così per tutelare la bambina che al momento non può contare su una stabile situazione familiare.

Stando al dispositivo del Tribunale veneziano, la madre non sarebbe comunque pericolosa per la primogenita. Era stata lei stessa, del resto, a confessare di aver scosso violentemente il piccolo all’alba di sabato 21 dicembre: il bambino non dormiva da oltre due ore e la 29enne, in completa incoscienza, secondo la versione del suo avvocato difensore, l’avrebbe scosso con violenza, per poi appoggiarlo sul lettino. La donna aveva quindi chiamato il 118, confessando poi ai carabinieri di aver fatto del male al piccolo. «Non dormiva, l’ho cullato troppo forte», aveva detto agli investigatori, coordinati dal pubblico ministero Roberto Piccione