Anche Mugnano vieta l’utilizzo dell’acqua per piscine e giardini, il sindaco Sarnataro: «Situazione grave»

- Pubblicità -

Emergenza idrica, emanata un’ordinanza sindacale contro gli sprechi dell’acqua. La scarsità delle piogge e le alte temperature che hanno colpito la Campania, e più in generale l’Italia, negli ultimi mesi hanno messo a serio rischio le forniture idriche della regione. Proprio per questo il primo cittadino Luigi Sarnataro ha firmato nella giornata di ieri un’apposita ordinanza, che andrà in vigore da sabato 1 luglio fino al 21 settembre. Il provvedimento prevede per le utenze domestiche l’assoluto divieto di utilizzare l’acqua pubblica per il lavaggio di corti e piazzali, il riempimento di piscine ad uso privato e il lavaggio di automezzi e spazi esterni. Chi non rispetterà le limitazioni espresse nell’ordinanza sarà soggetto ad una multa che andrà dai 25 ai 500 euro. “Facendo parte dell’Ente Idrico Campano – spiega il sindaco Luigi Sarnataro – sto monitorando da tempo la situazione, che purtroppo si fa sempre più grave. Da troppi mesi non piove e il rischio di una vera e propria siccità è imminente. Era quindi doveroso da parte mia, così come lo è per tutti i miei colleghi, emanare poche e semplici regole al fine di evitare sprechi. Invito per tanto tutti i cittadini a rispettare il provvedimento nell’interesse di tutta la comunità”.

- Pubblicità -