Bastone l’Escobar dell’area nord, da Mugnano alla Colombia: ecco come aveva allacciato contatti con i narcos sudamericani

Antonio Bastone è un nome molto conosciuto nel panorama criminale dell’area nord. L’uomo, 37enne, appartenente all’omonimo gruppo gravitante nella galassia scissionista per gli inquirenti è il simbolo del cosiddetto ‘salto di qualità’ che tutti gli affiliati ai clan sognano: Bastone negli scorsi anni era infatti riuscito ad allacciare rapporti diretti, in Colombia, e in particolare con il narcotrafficante Ramos Lujan Leonello David. Quest’ultimo si è rivelato essere il referente dell’organizzazione sudamericana operante nella regione di Medellin, in Colombia, struttura criminale riconducibile al capo paramilitare Jiemenez Naranjo Carlos Mario, posto al vertice del «Bloque Central Bolivar» delle a.u.c. (autodefensas unidas de colombia), attualmente detenuto negli Stati Uniti per terrorismo e narcotraffico, considerato uno dei massimi gruppi del narcotraffico a livello mondiale.