«Quell’uomo ha abusato di Rosa», rivelazione choc dei genitori durante il vertice a Sant’Antimo

Vertice al comune di Sant’Antimo
sulla questione relativa a Rosa Di Domenico, la ragazzina di cui non si hanno più notizie dallo scorso 25 maggio, giorno in cui è scomparsa proprio da Sant’Antimo.


All’incontro sono presenti i genitori di Rosa, il sindaco Russo, le comunità parrocchiali, le associazioni di volontariato e di assistenza socio-culturale agli immigrati, la comunità islamica presente sul territorio e il responsabile per l’immigrazione presso la Caritas diocesana di Aversa.
“Non si può restare inermi di fronte ad un dramma come quello che sta vivendo la famiglia di Rosa Di Domenico. La comunità vuole e, deve, mobilitarsi”, afferma il sindaco di Sant’Antimo Aurelio Russo. I genitori di Rosa hanno ricostruito tutta la storia, le minacce prima della scomparsa parlando addirittura di un abuso che l’uomo avrebbe fatto nei confronti di Rosa.
I genitori di Rosa Di Domenico, Luigi e Rosa: ”Questa persona ha abusato di nostra figlia. Ha sicuramente contatti con il territorio, perché spesso sapeva come Rosa era vestita quando era in strada. Quando mandava le fotografie, ne mandava altre che non rispecchiassero la sua persona. Chiediamo aiuto alla locale comunità del Pakistan, del Bangladesh ed altre”.







Il sindaco Aurelio Russo: ”Le comunità straniere del territorio devono collaborare perché in Italia la sottrazione del minore è un reato gravissimo, punito con 15 anni di carcere. Qualcuno che sa, parli. Bisogna ritrovare Rosa’