Il macellaio di camorra: 67 omicidi e cuore strappato al rivale per Pasquale Barra

Ha ammazzato 67 persone e non sempre si è limitato ad uccidere. Ha fatto fuori i suoi nemici, ma non solo. Spesso ha agito su

commissione e lo ha fatto dal’interno dei carceri dove ha trascorso gran parte della sua esistenza.
Pasquale Barra, nato nel 1942 ad Ottaviano, è morto nel 2015 a Ferrara, è stato un elemento di spicco della Nuova Camorra Organizzata di Raffaele Cutolo, fino a quando non ha deciso di dissociarsi.
Barra, noto come o’ Studente e o’ Animale, è considerato un vero e proprio boia della camorra. E’ stato, infatti, lui a commettere uno dei più efferati delitti, quello di Frencis Turatello.
Il 17 agosto del 1981 Turatello, malavitoso milanese, fu ammazzato con 40 coltellate ma si narra che quando era ancora in vita i suoi organi interni furono strappati e morsi da Barra.