12.5 C
Napoli
domenica, Dicembre 4, 2022
- Pubblicità -

Addio a Bruno Arena, internet si riempie di messaggi di cordoglio: “Farai ridere lassù”


Bruno Arena è morto a 65 anni. A dare, tra i primi, la notizia, l’amico Paolo Belli, che sui social ha condiviso uno scatto insieme al comico dei Fichi d’India scrivendo “R.I.P. Grande amico mio”. Poi il figlio Gianluca, il quale in una storia Instagram ha salutato il padre con un toccante messaggio: “Non ero pronto, ma tanto non lo sarei mai stato. Buon viaggio papà, lasci un vuoto immenso“. Nel 2013 l’artista era stato colpito da un’emorragia cerebrale dovuta a un aneurisma durante la registrazione di una puntata di “Zelig”.

I messaggi di cordoglio sui social

Prima ricoverato per mesi in ospedale, poi ancora in una clinica di riabilitazione e gradualmente Bruno aveva recuperato alcune abilità e funzionalità. L’ictus aveva comunque lasciato dei segni indelebili e l’attore si muoveva sulla sedia e faceva fatica a parlare. Il 5 aprile 2014 Arena aveva fatto il primo ritorno in pubblico allo Stadio San Siro durante la partita che vedeva l’Inter (di cui era tifoso) affrontare il Bologna. Da non molto era riapparso in una foto insieme all’amico Max Cavallari, suo collega nel duo comico per anni, che su Facebook ha dedicato un commovente post al suo ex compagno di palcoscenico scrivendo: “Hai preso la valigia e le parrucche?…adesso farai ridere i grandi lassù… È solo un arrivederci. Ti amerò per sempre“. Tantissimi i messaggi di cordoglio dal mondo dello spettacolo e non solo. “Bruno ho vissuto, con te e #maxcavallari, tutti i vostri/nostri inizi; dal mio matrimonio fino al successo di #zelig e poi e poi… Fai buon viaggio amico mio RIP #BrunoArena“, scrive Simona Ventura.

La lunga carriera di attore e di comico di Bruno Arena

Nato a Milano il 12 gennaio 1957. Di origine messinese da parte di padre, Bruno Arena aveva frequentato il liceo artistico, per poi iscriversi all’ISEF e divenire insegnante di educazione fisica. Nel 1984 fu coinvolto in un grave incidente automobilistico che lo obbligò a sottoporsi a diverse operazioni chirurgiche, con la perdita parziale della vista da un occhio. Proprio su questo incidente, di cui portava i segni sul volto, Bruno parlava spesso nei suoi spettacoli sdrammatizzando con battute sulla propria “bruttezza”. Nel 1988, durante una passeggiata sulle spiagge di Palinuro, in Provincia di Salerno, insieme a Cavallari formò il duo comico che lo rese famoso. Decisero di chiamarsi Fichi d’India, nome scelto per rendere omaggio alla cornice della passeggiata: gli alberi di fichi d’India, appunto.

Dopo varie esibizioni il duo di Bruno Arena e Max Cavallari approdò su Italia 1, all’interno della trasmissione tv “Yogurt” nel 1994.  Sempre nello stesso anno furono contattati da Radio Deejay, per la quale iniziarono a scrivere e condurre una loro trasmissione, “Tutti per l’una”, in compagnia di Marco Baldini fino al 1998. La loro carriera però prese il via definitivamente in televisione, su Canale 5, grazie alla partecipazione al programma “La sai l’ultima?”, la famosa gara di barzellette. I Fichi d’India apparve poi nelle prime edizioni di Zelig, trasmesso da Italia 1, e fu grazie a questa esperienza che divennero famosi in tutt’Italia. Tra il 1999 e il 2008 il duo partecipò anche ad una notevole serie di film comici.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Ultime Notizie

Blitz a Ponticelli, chi è la ‘lady camorra’ che gestiva gli alloggi popolari

Di lei si è scritto tanto. A partire da una sparatoria a piazza Mercato finalizzata a ripristinare il controllo...

Nella stessa categoria