Battisti, gli agenti provano a prelevarlo ma è latitante

Sta per concludersi la vicenda di Cesare Battisti, il  terrorista italiano degli anni di piombo, evaso dal carcere nel 1981 dopo essere stato condannato a 12 anni in primo grado e condannato all’ergastolo successivamente in contumacia. Agenti italiani sono arrivati in Brasile, pronti a prelevare Cesare Battisti, che però è ancora latitante, dopo il via libera all’estradizione concessa ieri sera dal presidente Michel Temer. Lo riporta Globo News online.

L’estradizione è frutto di «un accordo raggiunto fra due governi di estrema destra». A dirlo è stato Tarso Genro, ex ministro della Giustizia del governo di Lula da Silva, che concesse l’asilo politico all’ex terrorista italiano. «Se dovessi valutare questa questione in termini giuridici, starei dando un altro valore a una decisione che è politica», ha dichiarato Genro.