Bimbo di 7 anni muore dopo aver fatto il bagno, ha contratto un'infezione fatale
Bimbo di 7 anni muore dopo aver fatto il bagno, ha contratto un'infezione fatale

Un ragazzo della California ha contratto un’infezione da parassita mentre faceva il bagno in un lago, con conseguenze fatali. Il bambino di 7 anni è morto in ospedale. È un’idea horror per tutti i genitori: il proprio figlio mostra sintomi inspiegabili e muore poco dopo nonostante le cure mediche in ospedale. Questo è quello che è successo nella contea di Tehama, in California. Il 30 luglio David Pruitt viene ricoverato al pronto soccorso. Nonostante le misure salvavita, il bambino di sette anni muore poco dopo per le conseguenze di un grave rigonfiamento cerebrale. La tragica morte risale ad un’infezione da parte dell’ameba “Naegleria fowleri”, che il ragazzo probabilmente ha contratto durante una gita balneare.

Nell’uomo, l’infezione scatena l’encefalite, che è praticamente sempre fatale. Il parassita preferisce l’acqua calda e stagnante ed entra nel cervello umano attraverso il nervo olfattivo del naso. Lì si scatena la suddetta infiammazione, da cui sono morti l’anno scorso negli USA un bambino di 6 anni e un ragazzino di 13 anni .Come scrive l’agenzia di stampa AP, i genitori non erano disponibili per un’intervista.

Tuttavia, per loro è importante che il pubblico sia informato sull'”ameba killer”. Se l’infezione viene rilevata in anticipo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , i pazienti possono essere salvati. Tuttavia, poiché un’infezione è estremamente rara, spesso viene riconosciuta come tale troppo tardi ed è fatale in circa il 98,5% dei casi . Tra il 1962 e il 2018 negli USA erano noti 145 casi di cosiddetta negleriasi, di cui solo quattro non fatali. Batteri assassini anche nel Mar Baltico.Scene drammatiche simili si sono verificate anche di recente sul Mar Baltico tedesco. Una persona anziana è stata infettata da batteri killer mentre faceva il bagno in mare ed è morta.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.