Elezioni regionali, politici in cerca del biglietto per Santa Lucia tra conferme e cambi di casacca

Il centrodestra non ha ancora scelto il candidato presidente e tra quelli in corsa vi è anche Stefano Caldoro: in caso di fumata bianca, il socialista affronterebbe per la terza volta consecutiva Vincenzo De Luca. Il bilancio tra i due al momento è in perfetta parità

Elezioni Regionali Campania, candidati alle prese con la scelta della lista. Mentre i vertici del centrodestra sono impegnati nella complicata scelta del candidato alla presidenza della Regione, gli aspiranti consiglieri regionali sono più che mai in cerca della collocazione giusta in grado di spalancare la strada verso di Palazzo Santa Lucia. E così quelli che potevano essere considerati binomi inscindibili, hanno, oramai da diversi giorni, iniziato a frantumarsi.

Troppi big e ‘pochi posti’, in Forza Italia scatta il ‘fuggi fuggi’?

E’ il caso di Forza Italia, dove a guidare la schiera dei ‘big dubbiosi’ ci sono il villaricchese Francesco Guarino e la santantimese Flora Beneduce. Guarino, che attualmente ricopre il ruolo di assessore ai Lavori Pubblici a Villaricca, è da tempo in campagna elettorale. Il secondo dei non eletti alle regionali del 2015 è dato da tutti come candidato in Forza Italia, eppure negli ultimi tempi qualcosa è cambiato e l’assessore sarebbe in cerca di una nuova collocazione.

Guarino guarda con interesse alla lista del Presidente

Il motivo? Pochi spunti politici e tantissimi di mera opportunità politica. Guarino, da sempre tra Forza e Popolo della Libertà, non lascerebbe il partito di Silvio Berlusconi, ma salirebbe su un ‘taxi civico’ per entrare in consiglio regionale.

Elezioni regionali, Guarino ‘spaventato’ dalla triade forzista

In Forza Italia da marzo regna il tatticismo. Con l’emergenza Coronavirus, il governatore uscente, che sembrava in grosse difficoltà, ha riguadagnato terreno e sarebbe (sondaggi alla mano) in vantaggio sul misterioso competitor di centrodestra.

In caso di vittoria di Vincenzo De Luca, infatti, i seggi per i forzisti napoletani graviterebbero tra i due ed i tre. Spazi che non basterebbero a garantire neanche la rielezione agli uscenti (Armando Cesaro, Maria Grazia Di Scala, Ermanno Russo e Flora Beneduce) e che avrebbero indotto al ragionamento Guarino.

Caldoro o Martusciello candidati alla presidenza, i capisaldi del piano B di Guarino

Al momento l’alternativa per l’assessore villaricchese è la lista civica del Presidente, ma molto dipenderà dalla scelta del candidato governatore. Se dovesse essere uno tra Stefano Caldoro ed Antonio Martusciello (con cui Guarino è in ottimi rapporti), l’ex consigliere provinciale non avrebbe dubbi. Dubbi che invece si addenserebbero se il candidato governatore dovesse essere espressione di Lega o Fratelli d’Italia.

Elezioni regionali. Flora Beneduce pensa di lasciare Forza Italia e strizza l’occhio a Fratelli d’Italia

Proprio al partito di Giorgia Meloni sta strizzando l’occhio Flora Beneduce. Per lei vale il discorso fatto per Guarino. Cesaro, Di Scala e Russo rappresentano un muro quasi invalicabile, mentre in Fratelli d’Italia la partita per la rielezione sarebbe tutta aperta.

Beneduce in Fdi? C’è già il precedente di Gabriella Peluso

Un ragionamento che potrebbe aver fatto in tempi non sospetti la giuglianese (di residenza) Gabriella Peluso che nel 2015 corse per Forza Italia e questa volta cercherà maggior fortuna con Fdi.

Candidato presidente centrodestra, Maisto spettatore interessato

Sempre restando a Giugliano, spettatore interessato alla scelta dell’aspirante presidente del centrodestra è Giuseppe Pietro Maisto. Maisto, di cui si fa il nome anche per la candidatura a sindaco della Terza città della Campania, è in ottimi rapporti sia con Stefano Caldoro che con Antonio Martusciello. Per lui vale, dunque, quanto detto per Guarino: con la leadership di Martusciello o Caldoro, Maisto potrebbe, infatti, ritrovarsi nella civica del Presidente, così come già accaduto nel 2015.

Elezioni regionali. Tatticismo anche nel centrosinistra, Porcelli da una civica di De Luca all’altra?

Il tatticismo è di scena anche nello schieramento di centrosinistra, dove il mugnanese Giovanni Porcelli, che fine a qualche giorno fa era dato certo candidato in Campania Libera, potrebbe trovare spazio nella civica De Luca Presidente. S

In Campania Libera per il ‘seggio sicuro’ appare in grande vantaggio il casoriano Tommaso Casillo e così Porcelli potrebbe transitare nell’altra lista deluchiana, dove i giochi sembrano più aperti.

Tornando a Mugnano, non pare invece avere più dubbi il consigliere regionale uscente Giovanni Chianese: anche lui sarà della partita e lo farà tra le fila del Partito Democratico, dove si ripresenterà anche il collega casandrinese Nicola Marrazzo.

Niente Italia Viva, Tommaso Casillo resta in Campania Libera

Smentito dalla base, infine, un passaggio proprio di Tommaso Casillo in Italia Viva. Il presidente del consiglio regionale non abbraccerà la causa renziana e si giocherà le chance di rielezione in Campania Libera, così come già accaduto nel 2010 e nel 2015.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK