22.6 C
Napoli
giovedì, Agosto 11, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Vongole contaminate nel ristorante pluristellato, intossicati sposi e 50 invitati


Sposi e invitati intossicati dopo il banchetto nel ristorante dello chef stellato, scatta l’inchiesta dei Nas. L’episodio, come racconta La Repubblica, vede coinvolto il ristorante Piccolo Lago dello chef Marco Sacco: gli sposi e una cinquantina dei loro invitati si sono trovati infatti con i sintomi di un’intossicazione alimentare.

A essere messe sotto accusa sarebbero le vongole, che durante il banchetto nuziale sono state servite a crudo.  Secondo la versione fornita dall’avvocato Marco Ferrero, che assiste il ristorante stellato, le vongole sarebbero arrivate al ristorante già contaminate, e la responsabilità sarebbe dunque del fornitore.

“Le responsabilità sono ancora da accertare”, fa comunque sapere il Piccolo Lago in una nota sull’incidente. “In ogni caso è stato accertato che il nostro ristorante ha rispettato tutti protocolli e non a caso la problematica ha avuto origine da un alimento – vongola – utilizzato per guarnire una pietanza e non da noi trattato, ma acquistato tale e quale direttamente dal produttore. Tale alimento, all’esito delle analisi, risultava contaminato sin dall’origine con il virus presente già nelle confezioni consegnate. Si tratta di fatti, a prescindere dalle responsabilità che verranno accertate nelle competenti sedi, che non dovrebbero mai accadere per garantire la massima tutela del cliente”.

Nel frattempo, sulla vicenda indagano i carabinieri del Nas di Torino, coordinati dal sostituto Fabrizio Argentieri, che hanno aperto un fascicolo per commercio di sostanze alimentari nocive.

Marco Sacco, chef stellato, si difende: “Noi abbiamo comprato vongole che si possono mangiare crude, come l’etichetta del produttore dimostra e come risulta dalla scheda tecnica del prodotto. Sono vongole che utilizzo dal 2015. Da quando ho questo fornitore avrò servito oltre tremila piatti come quello, appunto un risotto alla borragine guarnito con 4 vongole crude, per una spinta iodata. In tutto venti grammi. Ovviamente ha fatto notizia per il numero delle persone coinvolte. Ma per quanto dispiaciuto sono tranquillo dal punto di vista legale. Mia moglie e io abbiamo risposto a tutte le domande e chiarito la nostra versione. Peraltro, queste vongole, arrivate dalla Francia, sono distribuite ai ristoratori di mezza Europa, chissà da quanti altri ristoratori sono state acquistate”, ha detto a La Repubblica

Chi è chef Marco Sacco

Dopo numerosi riconoscimenti, nel 2004 arriva la prima stella Michelin e nel 2007 la seconda. Dal 2014 ha assunto il ruolo di Culinary Artistic Director per un importante gruppo che gli ha affidato il compito di portare la cucina dei ristoranti Isola di Hong Kong e Shanghai a livelli di eccellenza. E’ presidente di Chic, Charming Italian Chef e da giugno 2016 fa parte dell’associazione Ambasciatori del Gusto. La sua missione in cucina è da sempre anche quella di investire e formare nuovi talenti pronti per diventare grandi cuochi di domani.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Tangenti e regali per evitare controlli, indagati 11 finanzieri a Napoli

E ’accusato di aver corrotto undici militari della Guardia di Finanza con soggiorni di lusso, biglietti per le partite...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria