Coronavirus, medico di Caivano aggredito da pazienti provenienti dal Nord: “Volevano entrare nello studio”

Spiacevole episodio quello capitato ad un medico di base di Caivano che, ieri mattina, all’ingresso nel suo ambulatorio, è stato aggredito da due pazienti provenienti dal Nord. Rientrati nella notte, il dottore aveva raccomandato loro la quarantena da seguire. Incuranti, però, marito e moglie si sono presentati direttamente in studio. Il dottore, per salvaguardare gli altri pazienti all’interno e in attesa, ha bloccato l’ingresso alla coppia che ha risposto aggredendolo e con offese.

Il medico aveva mascherina e ogni presidio per proteggersi. In un post pubblico sul suo profilo Facebook scrive: “Vi  ringrazio per la solidarietà e la stima che mi state attestando. È un momento critico ma sono convinto che ce la faremo. Mi spiace per episodi come quello di oggi di cui sono vittima tanti altri colleghi e personale  sanitario.  Purtroppo le aggressioni  e la furia devastatrice al Pronto Soccorso, lo sputo in faccia ai medici sono solo le punte estreme di una violenza  sempre più frequente nei nostri confronti, talora solo verbale ma non per questo meno grave, spesso da parte di persone che non ti aspetti, talvolta per futili motivi, basta poco e questo ci fa male e ci spaventa più del covid-19 che son certo combattendo insieme  sconfiggeremo perché ANDRÀ TUTTO BENE!!!”.