Ergastolo a Tamburrino, Norina ‘parla’ dalla pagina: “Salvatò pe’ na vot’ agg’ vinciut’ io”

“Cià Salvatò…
E vist pe na vot agg vinciut ij, è vero tu me accis ma ij mo si che so liber, libera e rirer e esser bell, LIBERA
Ma tu che può capi e libertà, tu ca me semp maltrattat, ca nu juorn me faciv na carezz e dop n’or m’abbuffav e mazzat TU ca me diciv tutt ch’elli parol, ca te arrubat tutt cos e me, pur a vita…
Pe te è facil a “chiagner” quanti vot dop che me fatt e livid me chiest “SCUS” ma stavot non te perdon, NISCIUN TE PO PERDUNÀ…!!! Si stat tropp nfam, me sparat mpiett perché l’ir capit ca o cor mi nun t’appartenev cchiu, mo è tutt cos cagnat, mo nun fai paur cchiu a nisciun, mo si comm n’auciell int’à caiol… cant ma nun vuol!
Ij mo rir a faccia toij Totò perché ch’ell ca ta semp fatt tremmà te l’agg rat proprio IO… E mo è sta chius la dint… e te jut pur bon, perché respir ancor!
Ij mo rir a faccia toij Salvatò!!!”. 
Queste le parole della pagina Giustizia per Norina dopo la sentenza che ha stabilito l’ergastolo per Salvatore Tamburrino, killer di Norina Matuozzo. 

Omicidio di Norina Matuozzo, niente sconti per Salvatore Tamburrino: ergastolo

Nessuno sconto per Salvatore Tamburrino. E’ di poco fa la notizia dell’ergastolo comminato all’ex braccio destro Marco Di Lauro dal giudice per le indagini preliminari Barbara Del Pizzo del tribunale di Napoli nord. Come riportato da giustizianews24.it il gip Barbara Del Pizzo, all’esito del giudizio con rito abbreviato, ha disposto il massimo della pena per Tamburrino, che anche stamattina ha provato a giustificarsi, a sminuire la sua condotta dicendo che non voleva uccidere a Norina, a ribadire di amare sua moglie pur ammettendo di averla picchiata in passato. Non solo. Disposta l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e la decadenza della potestà genitoriale; disposta una provvisionale (una sorta di anticipo sul risarcimento danni) in favore dei genitori di Norina (rappresentati dall’avvocato Giuseppe Scafuro), mentre sarà stabilito in separata sede il risarcimento per l’associazione ‘Al Posto tuo’ rappresentata dall’avvocato Loredana Gemelli. Respinte le richieste della difesa che aveva chiesto non solo le attenuanti, ma anche la cancellazione delle aggravanti della premeditazione e dei maltrattamenti.

Alla pronuncia della sentenza la mamma di Norina, presente in aula, è scoppiata in un lungo pianto. Non sono valse le richieste della difesa di Tamburrino che, per accreditarsi come pentito, aveva rivelato agli inquirenti il covo dove si nascondeva Marco Di Lauro.