Limite di invitati e congiunti ai tavoli: le regole per feste e cerimonie in Campania

cerimonie feste campania regole de luca
Regole per feste e cerimonie
Le regole per feste e cerimonie in Campania arrivano limite di invitati e obbligo di congiunti ai tavoli. Con decorrenza dal 1° ottobre 2020, lo svolgimento di feste e di ricevimenti è consentito esclusivamente nel limite massimo di 20 partecipanti per feste e ricevimenti. Regola valida anche per matrimoni, svolti in locali pubblici o aperti al pubblico e in luoghi privati. L’esercizio e la fruizione delle attività connesse a cinema, teatri e spettacoli dal vivo, Ristorazione e Bar, Wedding e Cerimonie, sono subordinati alla stretta osservanza dei protocolli

CERIMONIE E FESTE ORGANIZZAZIONE DEI TAVOLI

Con esclusivo riferimento alle feste e ricevimenti già organizzati ed in programma fino al 4 ottobre 2020. Il limite numerico non opera dove l’evento si svolga in forma statica, con soli posti a sedere preassegnati, con esclusione di buffet. La composizione dei singoli tavoli dovrà prevedere la partecipazione di soli congiunti.
Il limite numerico di 20 partecipanti previsto dall’Ordinanza non si applica alle celebrazioni religiose. Infatti per le stesse sono dettate apposite disposizioni per lo svolgimento in sicurezza. Il limite massimo di 20 partecipanti è riferito allo svolgimento di singole feste o ricevimenti e non costituisce limitazione ai “coperti” degli esercizi di ristorazione destinati all’utenza ordinaria. Quindi che non presenta rischi di assembramenti e di multipla e prolungata interazione personale tipica degli eventi con partecipazione di invitati.

L’AVVISO DI DE LUCA

Vincenzo De Luca è intervenuto alla trasmissione Porta a Porta in seguito all’ordinanza sulla movida emanata ieri. “E’ la penultima decisione prima di chiudere tutto. Sono molto allarmato credo che dobbiamo aprire gli occhi e dire con chiarezza ai cittadini che siamo già nella seconda ondata dell’epidemia. Ricordo che la Campania è la Regione che ha la più alta densità abitativa d’Italia e il 60% dei positivi oggi sono nelle Asl Napoli 1 e 2 e a Caserta cioè quelle a maggiore congestione abitativa”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito, inoltre vai sulla nostra pagina Facebook.