Associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, al traffico internazionale e alla detenzione di armi comuni da guerra e clandestine, all’organizzazione di rapine e assalti a caveau e furgoni portavalori e smercio di banconote false. Sono le accuse contestate ai membri del gruppo criminale smantellato questa mattina dai carabinieri del Comando provinciale di Cagliari.

Sono 32 le ordinanze di custodia cautelare (20 in carcere e 12 ai domiciliari) eseguite dai militari dell’Arma nelle province di Cagliari, Nuoro, Oristano, Sassari, Livorno, Grosseto, Roma, Caserta e Napoli, nonché nel territorio della Corsica carabinieri del Comando Provinciale di Cagliari, disposte dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari. sul fronte degli assalti ai portavalori Mercurio e Ledda, secondo quanto emerso dalle indagini, stavano preparando colpi alle sedi della Mondialpol, in Toscana a Cecina e in Sardegna a Elmas e stavano chiedendo l’aiuto a esponenti della criminalità campana, legati ai clan Fabbrocino e Di Lauro. Il tramite era un loro conoscente napoletano, Antonio Pagano.
Droga ed esplosivo dalla Sardegna alla Corsica in cambio di armi da usare per le rapine. È l’asse italo-francese scoperto dai carabinieri con l’operazione Maddalena. I carabinieri hanno infatti accertato la vendita in Corsica di quasi 100 chili di droga: 82 kg di marijuana, 10 kg di hashish e 5 kg di cocaina.
    L’allevatore Umberto Secci, teneva i contatti con Giovanni Mercurio, 56 anni di Loculi che era a capo del gruppo criminale che gestiva il traffico di droga e armi con la Corsica.

I nomi

Oltre a Giovanni Mercurio e Umberto Secci,figurano anche i nomi di Andrea Luca Littarru, Germano Alessio Maccioni, Mauro Peddio, Gianfranco Casula, Ilio Mannu, Fabiano Mannu e Giovannino Littarru, Roberto Sibiriu, Pietro Paolo Serventi, Luisella Trastus e Carmelo Murgia. L’asse con la criminalità campana vede i nomi di Antonio Pagano, Luigi Porricelli, Luigi Maione, Umberto Lamonica, Salvatore Tullio, Vincenzo Vallefuoco e Antonio Coppola. Nei guai anche il gruppo criminale corso formato da Francesco Ledda, Marco Davide Ledda, Patrizia Scanu, Jean Louis Cucchi e Dario Pasquale Andrea Azzena. Robertino Dessì, Salvatore Garippa e Pino Guttadauro sono invece i tre contatti dei sardi con la criminalità toscana, oltre a Federico Fiorentini Arditi, Giuliano Petta, Antonio Spano e Roberto Sanna.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.