Lite familiare si trasforma in tragedia a Pozzuoli, qualche anno fa la morte del primo fratello

Un fratricidio si è consumato la notte scorsa in una delle abitazioni del quartiere popolare di Toiano a Pozzuoli (Napoli). Secondo una prima ricostruzione dei fatti Filippo Lucignano, 54 anni, incensurato, ha ucciso con un coltello da cucina il fratello minore, Rosario, 44 anni, con precedenti penali al culmine di una lite scatenata per motivi che sono in corso di accertamento da parte degli agenti della Polizia di Stato di Pozzuoli.

L’omicidio è avvenuto in casa dell’anziana mamma, che veniva accudita proprio da Filippo. Una famiglia già segnata dal dolore per la morte del primogenito Francesco, come riportato dal sito Pozzuoli21, (un terzo fratello di Filippo  e Rosario, che morì in un incidente stradale a Rimini, dove era andato a lavorare come cuoco per superare un periodo difficile della sua vita). Tra le ipotesi della veemente reazione del fratello una pressante richiesta di soldi all’anziana da parte di Rosario che faceva ricorso a sostanze stupefacenti. L’omicida, come si legge su Ansa.it, è stato bloccato sul luogo del delitto ed è a disposizione dell’Autorità giudiziaria.