Manifesti sfottò a Corato contro Gigi Buffon, ma Massimo Giletti lo difende

Fanno discutere le parole di Massimo Giletti sul caso Buffon. Lo sfogo del portiere della Juve ha fatto il giro del mondo. il conduttore di La 7 sta dalla sua parte. “Quando vedo Buffon mi viene in mente che in greco antico la parola entusiasmo voleva dire essere pieni di una divinità. Questo è Gigi. un fuoco che trasforma la banalità della normalità in un qualcosa di straordinario. Quando l’arbitro inglese Oliver fischia il rigore, per Gigi il resto del mondo non esiste più. C’è solo adrenalina allo stato puro, una eccitazione. anche se vogliamo brutale, ma vera e onesta di chi in quel fischio assurdo vede la fine ingiusta di un sogno. In un mondo finto dove regna molta ipocrisia, starò sempre dalla sua parte. dalla parte di chi affronta sempre guardando in faccia il proprio avversario senza paura; sapendo che spesso la nostra strada è lastricata di fatiche e attacchi di chi non ha lo stesso coraggio”.

IL MANIFESTO SFOTTO’

A Corato sono comparsi dei manifesti formato 6×3 con protagonista Gigi Buffon. Il portiere e capitano dei bianconeri. “Se non hai personalità per arbitrare a questi livelli. Stai in tribuna con la tua famiglia a mangiare patatine e goderti lo spettacolo”. Dichiarazioni che hanno scatenato polemiche e divisioni tra addetti ai lavori e tifosi. In primo piano compare Buffon con un pacco di patatine in mano.  Cristiano Ronaldo esulta sullo sfondo tra il Santiago Bernabeu e lo schermo di una tv. Uno “sfottò” in piena regola, ben visibile in tre distinti punti della città.