Napoli cade a pezzi, voragine in via Masoni e frana all’incrocio della Toscanella

Strada interrotta alla Toscanella a causa della frana

Danni da maltempo a Napoli. In via Masoni due palazzi sono stati evacuati dopo le forti piogge di questa notte. Almeno trenta le famiglie sgomberate che hanno dormito in luoghi di fortuna. Molti hanno preferito restare in macchina nelle vicinanze delle palazzine evacuate. Staccate le utenze, sono in corso verifiche in merito all’eventualità di un pericolo di fuga di gas. Per via Masoni: chiuse anche strade limitrofe. Chiusa anche via Marco Rocco di Torrepadula, al Frullone, nei pressi dell’incrocio della Toscanella, a causa di una frana. Per questo motivo ancora una volta risulta problematico andare alla zona ospedaliera.

Raggiungere Napoli dall’area Nord è impresa ardua questa mattina per pendolari e studenti. La chiusura di via Masoni e strade limitrofe, in zona Ponti Rossi, e i piccoli disagi causati dalle violenti piogge della scorsa notte stanno rendendo difficile raggiungere la città. Discorso simile per chi ha invece scelto la metropolitana: già da Piscinola, infatti, si registrano code ai tornelli e in banchina in attesa dei treni. Situazioni simili in tutte le stazioni “in superficie” della linea 1.

Maltempo: voragine a Napoli, sgomberi

Maxi voragine e famiglie sgomberate a Napoli, in via Masoni. Lo sprofondamento della sede stradale si è verificato in un’area di cantiere a seguito delle forti piogge della scorsa notte.
Il presidente della III Municipalità, Ivo Poggiani, parla di “tragedia sfiorata”. L’altro ieri sono intervenuti i Vigili del Fuoco e Protezione Civile per uno sprofondamento stradale su un tratto appena interessato dai lavori di rifacimento del manto stradale, ma non dei sottoservizi – spiega – La strada viene chiusa, dopo qualche ora interviene sul posto ABC, rapidamente iniziano i lavori su condotta idrica e fognaria. Ieri sera hanno lavorato fino a tarda ora, poi si sono bloccati per la pioggia.
Stanotte la quantità di precipitazioni venute giù, ha provocato una frana all’interno dell’area cantiere”. “Sono intervenuti nuovamente i Vigili del Fuoco, a seguito anche di perdite di gas. Hanno quindi allargato l’area di interdizione, sgomberando alcuni palazzi con molta gente che ha dormito in strada”, aggiunge.

Tempesta su Capri, calcinacci Piazzetta

– Tempesta sull’isola di Capri (Napoli) dove è stata colpita la Torre campanaria nella celebre Piazzetta, uno dei simboli dell’isola, da dove si sono staccati alcuni calcinacci. Il forte vento ha anche sollevato la copertura esterna del ristorante Pulalli. L’area è stata messa in sicurezza dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Capri intervenuti anche per rimuovere rami di alberi di alto fusto spezzati dal forte vento che ha superato i 30 nodi mentre il mare forza 6 ha causato il blocco definitivo di tutti i collegamenti con la terraferma. Il sindaco di Capri, Marino Lembo, ha firmato un’ordinanza in cui dispone per domani la chiusura delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado a causa del persistere delle condizioni meteo e dei forti venti previsti le prossime 24 ore.
La decisione al culmine di una giornata nera sul fronte delle condizioni meteorologiche e dei trasporti.

Maltempo: albero si abbatte su bus

– Tragedia sfiorata eir nello stazionamento dei bus CTP di via Fasano, a Pozzuoli (Napoli), dove il forte vento ha abbattuto un albero che è rovinato su un bus fermo. Tanta paura per l’autista che è stato portato in ospedale per essere sottoposto ai controlli dei sanitari.
Secondo quanto rende noto Adolfo Vallini, dell’Usb, al momento dell’incidente l’autista era seduto al posto guida. Sul mezzo, invece, c’erano quattro passeggeri in attesa della partenza. Sul posto è intervenuto il 118 che, successivamente, ha trasportato l’autista in ospedale. Intervenuti anche i vigili del fuoco e la polizia municipale

I danni a Giugliano

Giugliano. Voragine inghiotte spazzatrice a Piazza Gramsci, danni da maltempo in tutta la città