29.3 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Pernacchie alla compagna di classe, a Napoli 2 bimbi finiscono a processo per 6 anni


Due bambini a processo per alcune pernacchia rivolte alla compagna di classe. No, non è un caso inventato e degno di un film, ma quello che succede a Napoli. Un caso che è durato 6 anni per vedere la conclusione definitiva.

La madre di una bambina, infatti, ha deciso di denunciare due piccoli fratellini per alcune pernacchie che questi ultimi rivolgevano alla compagna di classe all’esterno della scuola. I bambini pronunciavano il nome di quest’ultima per poi prenderla in giro. Affinché i fratellini la smettessero, anche la madre della bambina ha provato a convincerli, ma a seguito delle parole non ascoltate è arrivata anche la denuncia.

Ed è proprio così che è nato il lungo iter giudiziario, che ci ha messo ben sei anni per arrivare al termine. Con ben cinque pronunciamenti da parte dell’Autorità Giudiziaria.  A riportare la notizia è Fanpage Napoli. Durante l’iter giudiziario ascoltati anche una decina di testimoni e, alla fine, la Corte d’Appello di Napoli si è definitivamente pronunciata. Sulla base di una sentenza della Cassazione, i giudici hanno deciso per l’estinzione del reato per “irrilevanza penale del fatto”.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Pirozzi
Alessandro Pirozzi
Mi presento: mi chiamo Alessandro Pirozzi, sono nato a Napoli ed ho 23 anni. Sono iscritto all'albo dei giornalisti dal 2019 ed amo profondamente la comunicazione, specie quella digitale. Dopo essermi diplomato in un istituto alberghiero, ho iniziato a 18 anni il mio percorso lavorativo con InterNapoli.it nel 2016, collaborando anche in qualità di freelancer con diverse testate digitali come Blasting News. Ho scritto per 'Cronache di Spogliatoio', giornale sportivo online, e per la testata locale AbbiAbbè.it.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid in Italia, Gimbe lancia l’allarme: «Mettete le mascherine, adesso rischiamo il lockdown»

Una "crescita esponenziale dei contagi, che non contabilizza il sommerso dei casi non dichiarati". "Quarte dosi al palo e...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria