Prof ebbe figlio dal suo alunno 13enne, condannata a sei anni e mezzo

«In questo lungo anno ho avuto solo un desiderio. Dedicarmi a mio marito e ai miei due figli, cosa che ora posso fare con più distacco e tranquillità». Lo ha detto la prof di 32 anni di Prato, che due anni fa ebbe un figlio da un ragazzo allora 13enne a cui dava ripetizioni, al termine del processo che ieri l’ha vista condannata a 6 anni e sei mesi per violenza sessuale su minore. L’accusa aveva chiesto una condanna a sette anni. Si è chiusa così, almeno per il momento, una vicenda dolorosa e difficile nata dalle confessioni fatte ai genitori dal ragazzo, che raccontò di quella relazione con la sua insegnante d’inglese e di essere addirittura il padre del secondo figlio della prof. Lo riporta il Messaggero.

Il racconto dell’alunno della prof

Tutto era partito nel marzo 2019, dopo che il ragazzo, oggi 16enne, aveva raccontato ai genitori della relazione con la sua insegnante, operatrice socio sanitaria che il pomeriggio gli impartiva lezioni private d’inglese. Ai genitori il ragazzo aveva anche rivelato di essere il padre del secondo bambino della donna. Dopo questa confessione i genitori hanno sporto denuncia, dando così avvio alle indagini che sono state portate avanti dalla Squadra mobile di Prato. Gli investigatori acquisirono informazioni, testimonianze, e soprattutto i telefoni della donna e del ragazzo, raccogliendo prove consistenti, come le chat trovate sui telefoni del ragazzo e della sua insegnante.

Il test del dna

Il test del dna infine ha confermato con certezza la paternità del neonato. La Procura di Prato nel marzo scorso chiese e ottenne l’arresto della prof ai domiciliari, conclusi nel febbraio scorso. Ora entrambe le famiglie coinvolte in questa storia avranno finalmente la serenità necessaria per superare la vicenda.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook