Sindrome di Kawasaki, l’appello di un papà: «Mia figlia sta morendo, non riaprite le scuole»

Se per gli anziani il Coronavirus è stato un vero e proprio flagello, la sindrome di Kawasaki per i bambini rischia di poter essere anche peggio. Da brividi è, infatti, la storia raccontata da Piers Roberts sul proprio profilo social. L’uomo ha pubblicato una foto di Scarlett, la sua figlioletta di 5 anni, inchiodata ad un letto di ospedale perchè vittima di questa maledetta sindrome.

Sindrome di Kawasaki, letale per i bambini

La bimba, come riporta il Mirror, aveva contratto il covid-19 in forma lieve, perché contagiata a scuola prima del lockdown. La risposta immunitaria ha però portato alla materializzazione della sindrome di Kawasaki, che ha ridotto Scarlett in fin di vita.

L’appello del papà di Scarlett: «Non riaprite le scuole»

«Mia figlia ha solo il 20% di chance di sopravvivere –  l’appello del papà al primo ministro britannico Boris Johnson – Non riaprite le scuole, potrebbero trasformarsi in campi di sterminio per i bambini».

Sindrome di Kawasaki, «scuole campi di sterminio per bambini»

Il primo giugno riapriranno le scuole in Gran Bretagna, ma tra i genitori serpeggia il terrore. Mamme e papà temono, infatti, che gli istituti si trasformino in “campi di sterminio per bambini”. Se il coronavirus ha risparmiato soprattutto i più giovani, lo stesso non si può dire della Sindrome di Kawasaki. Per questo motivo Piers ha cercato di sensibilizzare le istituzioni a mezzo social per scoraggiare la riapertura delle scuole e ritardarla il più possibile per scongiurare di una nuova epidemia.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK