Risultavano vaccinati pur non essendo così per ottenere il green pass

Vaccinazioni fantasma per ottenere il green pass. Una quindicina di persone, nel Salernitano risulterebbero – secondo quanto riferisce Il Mattino – regolarmente iscritte nell’elenco dei soggetti vaccinati sulla relativa piattaforma della Regione Campania ma non avrebbero mai fatto il vaccino.

Indagini in corso a Scafati

Come ciò sia potuto accadere e quali siano i livelli di responsabilità sono gli aspetti al centro dell’inchiesta avviata dai Carabinieri dopo la segnalazione dei fatti verificatisi all’Asl di Scafati e confluiti in un fascicolo d’indagine aperto dalla Procura di Nocera Inferiore.
L’inserimento – è questo il sospetto – potrebbe essere stato effettuato utilizzando la password di accesso di un dipendente di uno dei centri vaccinali. Gli investigatori avrebbero comunque già individuato i falsi vaccinati nell’area a nord della provincia di Salerno.

Il piano per la terza dose del vaccino in Campania

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha annunciato sui social il piano per la terza dose del vaccino: «In Campania – ha detto nella tradizionale diretta Facebook del venerdì – faremo contemporaneamente la terza dose alle persone fragili e al personale sanitario tutto. Non seguiremo una scala temporale, si farà contemporaneamente tutto». La capacità di vaccinazione della macchina sanitaria regionale è ormai collaudata: «Eravamo arrivati a 70mila vaccinazioni al giorno, oggi siamo a 17mila. Possiamo fare tranquillamente contemporaneamente la vaccinazione di fragili, anziani e personale sanitario. E così faremo».

Il bollettino

Pubblicato dalla Regione Campania il bollettino con tutti gli aggiornamenti relativi ai contagi da Covid nella giornata di oggi, 30 settembre 2021. Sono 335 i positivi del giorno su 17.093 tamponi effettuati. Purtroppo, si registrano anche 5 decessi (nelle ultime 48 ore; 1 deceduto in precedenza ma registrato ieri). Contagi in diminuzione grazie ai vaccini.

L’efficacia del vaccino

Nell’ultima settimana in Italia ci sono stati oltre cinquemila casi di coronavirus rilevati in meno rispetto ai sette giorni precedenti. C’è stato un calo anche dei nuovi ingressi in terapia intensiva e dei decessi. Questo andamento è dovuto soprattutto al miglioramento della situazione epidemiologica nelle regioni più colpite durante l’ondata estiva: nelle ultime settimane il numero dei casi e delle persone ricoverate in Sicilia, Calabria e Sardegna è diminuito in modo significativo. La campagna vaccinale procede a un ritmo costante, anche se inferiore rispetto al mese di luglio, principalmente perché si è già vaccinata buona parte della popolazione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.