Verso le elezioni a Mugnano, Palumbo bacchetta Schiattarella dopo l’apertura alle civiche: “No a personalismi”

Non è bastata l’elezione della nuova segretaria Roberta Baiano, il Partito Democratico di Mugnano è sull’orlo di una crisi di nervi. Domenica scorsa sono stati rinnovati i vertici nel congresso cittadino ma ciò non è servito a ricompattare il partito.

L’ex segretario Andrea Cipolletta ha annunciato ufficialmente la disponibilità a candidarsi a sindaco, mentre Pierluigi Schiattarella si è detto disponibile a dialogare con i fronti civici. Dichiarazioni che si innestano sulla sua conclamata volontà di candidarsi a sindaco di Mugnano. In attesa che Luigi Sarnataro sciolga la riserva sulla sua ricandidatura, il Pd già ha già tre fronti aperti. Un po’ troppi visto i pochi mesi che mancano alle elezioni.

 

Il capogruppo consiliare Daniele Palumbo ha replicato alle recenti dichiarazioni dell’attuale Presidente del Consiglio Comunale sull’apertura alle liste civiche: “Non solo è condivisibile ed auspicabile, ma è assolutamente indispensabile per rendere ancora più feconda e adeguata l’elaborazione di una proposta politica per la nostra città. E’ necessario in tal senso costruire ponti di comunicazione tra organizzazioni politiche strutturate e il civismo presente nella nostra comunità”.

“BRUTTA COSA E’ L’USO STRUMENTALE DEL CIVISMO”

L’ex sindaco di Mugnano ha però stigmatizzato l’uso strumentale delle liste civiche e ha bacchettato il recente atteggiamento di Schiattarella richiamandolo tra le fila del Partito Democratico: “Diversa e brutta cosa è, invece, l’uso strumentale del civismo finalizzato solo alla promozione personalistica di qualcuno o peggio come strumento di inclusione o esclusione di forze politiche organizzate. In tale senso è importante ricordare che l’attuale esperienza di governo della nostra città con Luigi Sarnataro sindaco prese forma proprio da questa feconda intuizione, il connubio tra l’esperienza politica e organizzativa del PD locale e altre liste espressione della società civile. L’apertura del nostro Presidente del consiglio comunale Pierluigi Schiattarella non poteva, quindi, che essere in tale direzione, visto che Lui è stato ed è tra i protagonisti principali dell’attuale amministrazione cittadina che tanti obbiettivi importanti è riuscita a realizzare ed che è ancora in procinto di realizzare per la nostra città”.

PALUMBO BACCHETTA SCHIATTARELLA

Palumbo ha invitato Schiattarella a frenare le sue esternazioni pubbliche e gli ha ricordato il ruolo istituzionale di Presidente del Consiglio Comunale: “Il proliferare di dichiarazioni a mezzo stampa di tanti esponenti politici locali che ormai quotidianamente vengono fatte e che appaiano più dettate dalla spasmodica necessita di visibilità personale, così da essere solo strumento di sterile confronto tra addetti ai lavori e che appassionano sempre meno i nostri concittadini, sarebbe più utile da parte di tutti ed in particolare da parte di chi ricopre cariche o funzioni amministrative evitare di partecipare a queste continue e spesso inutili esternazioni. Questo è ancora più auspicabile quando si fa parte di una organizzazione politica strutturata come il Pd locale alla cui organizzazione è demandato il compito della comunicazione della linea politica, della elaborazione della proposta programmatica e del confronto politico con le altre liste, gruppi civici o cittadini che vogliano dare il proprio contributo per la comunità. Questa finalità del circolo del Pd di Mugnano trova tra l’altro proprio in questo momento nuovo entusiasmo e linfa vitale dalla elezione unanime del nuovo direttivo e della nuova segretaria Roberta Baiano, giovane donna da tempo impegnata nella organizzazione del partito sia a livello locale che regionale e più che mai desiderosa di cimentarsi in questa nuova sfida , consapevole della grande responsabilità politica di cui è stata investita“.