green pass discoteche partite matrimoni vacanze
Foto di archivio

Il green pass servirà anche per andare a matrimoni, partite, competizioni sportive, concerti e anche alle discoteche quando riapriranno. Archiviato il decreto che posticipa il coprifuoco alle 23 per poi cancellarlo il 21 giugno e fissato il cronoprogramma delle riaperture fino all’inizio di luglio.

Il governo comincia a lavorare alle misure per l’estate puntando su due fattori. L’arrivo di 20 milioni di dosi nel mese di giugno consentirà di portare il totale degli italiani immunizzati con una dose a circa 30 milioni, più del 50% della popolazione vaccinabile. Il commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo ha fissato per metà luglio l’obiettivo di aver vaccinato con il richiamo il 60% degli italiani.

COME SI OTTIENE IL GREEN PASS

Percentuali che non rappresentano l’immunità di gregge ma che consentono comunque di mettere in campo una serie di ragionamenti per permettere ai cittadini e ai turisti stranieri. Cioè a tutti coloro che verranno nel nostro paese di vivere i mesi di luglio e agosto con le restrizioni ridotte al minimo. Una delle principali novità del decreto è proprio quella introdotta con l’articolo 14: ‘disposizioni in materia di rilascio e validità delle certificazioni verdi Covid-19’.

Il green pass rilasciato al termine del completamento del ciclo vaccinale durerà 9 mesi e non più sei. Dopo la prima dose, inoltre, si consegnerà un certificato che avrà lo stesso valore. Durerà dal 15esimo giorno successivo alla somministrazione fino all’inoculazione della seconda dose.

Partenza per le vacanze, l’avviso di Figliuolo: “Regolatevi con la vaccinazione”

Gli italiani stanno pianificando la partenza delle vacanze in vista dell’arrivo dei mesi estivi. “Dobbiamo continuare a vaccinare gli over 60 e i fragili. Chiedo a tutti presidenti di Regione di andare avanti con i richiami, è facile farsi prendere dalla propaganda, ma se non mettiamo in sicurezza gli over 60 che hanno il 95% possibilità di finire in ospedale, o peggio ancora in terapia intensiva, o peggio ancora di morire, non ne usciamo”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.