“Forza Walter non mollare”, Napoli e Giugliano pregano per il giovane ferito nell’esplosione a Lago Patria

Due persone sono rimaste ferite, una in maniera grave, a causa dell’esplosione di un serbatoio di gpl avvenuto ieri in una villetta che si trova in via Torre Magna (traversa di via Staffetta), in località Lago Patria di Giugliano in Campania (Napoli). Secondo quanto rende noto il sindaco della città, Antonio Poziello, i feriti sono stati trasportati negli ospedali Cardarelli di Napoli e San Giuliano di Giugliano.
La causa dell’esplosione, secondo una prima ricostruzione, sarebbe da addebitare a una perdita che ha saturato di gas l’abitazione, mentre la deflagrazione sarebbe stata innescata da una sigaretta. La villetta, secondo le prime verifiche dei vigili del fuoco e dei tecnici comunali, sarebbe seriamente danneggiata. Il boato si è sentito da grande distanza.

Nella villetta dove è avvenuto lo scoppio erano presenti una donna e suo figlio, la prima non ha riportato lesioni mentre il secondo è ricoverato nel Centro Grandi Ustionati del Cardarelli di Napoli con gravi ustioni – fa sapere il Cardarelli – sull’80% del corpo. “Le condizioni del paziente, ricoverato presso il Centro Grandi Ustionati sono gravissime – viene sottolineato dalla direzione sanitaria – il giovane è comunque sveglio e cosciente ma presenta ustioni profonde (prevalentemente di terzo grado) estese al 70 per cento della superficie corporea. Al momento il paziente è sottoposto a trattamento con antidolorifici e supporto delle funzioni vitali”.

L’altro ferito, un vicino di casa dei due, è ricoverato nell’ospedale San Giuliano. É stato travolto dal crollo del muro che divideva le due abitazioni. La potente deflagrazione ha, infatti, seriamente danneggiato anche la sua abitazione.

Dramma nel dramma per la famiglia Mariani: Walter aveva già tragicamente perso il fratello

Il Comune di Giugliano ha provveduto a collocare in albergo le due famiglie sfollate a causa dell’esplosione. Sul posto, a coordinare gli interventi di competenza comunale, ci sono l’assessore alla Fascia Costiera, Carla Rimoli e il consigliere Giuseppe Di Girolamo. “Stiamo cercando di ridurre al minimo i disagi per le due famiglie. Abbiamo avuto l’immediata collaborazione dell’albergo Orchidea, non distante dalle due abitazioni – fa sapere Rimoli – e ci stiamo tenendo costantemente in contatto con i medici per conoscere le condizioni di salute dei due feriti”. “Vicinanza” alle famiglie dei feriti è espressa anche dal sindaco di Giugliano, Antonio Poziello, che ha seguito l’evolversi della situazione. “Ci auguriamo – commenta – che le condizioni dei due feriti, in particolare quelle di Guido, migliorino al più presto”.

Arrivano aggiornamenti dal reparto grandi ustionati del Cardarelli sulle condizioni di Walter Mariani. Questo il comunicato dell’azienda ospedaliera:

In merito alla drammatica esplosione verificatasi nella serata di ieri a Giugliano in Campania, la direzione sanitaria dell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli fa sapere che le condizioni del paziente ricoverato presso la terapia intensiva Grandi Ustionati permangono gravi con prognosi riservata. L’uomo è sedato e ventilato meccanicamente, altre terapie sono in atto per mantenere una stabilità cardiocircolatoria e tutte le restanti funzioni d’organo. È già in corso un primo trattamento di escarecromia enzimatica di una parte delle aree ustionate.

Il sostegno degli amici: “In questo momento stai lottando tra la vita e la morte.. Gesù abbraccia questo ragazzo e spingilo verso la vita.. Ti prego.. Sarà dura da affrontare ma tornerà a splendere.. Salvalo ti scongiuro.. Non lo prendere con te è troppo presto.. Mi associo alla preghiera del popolo di Napoli che ti supplica di salvarlo.. Gesù per favore.. Ridona questo figlio a sua madre”